Sport

pubblicato il 1 settembre 2013

WSBK 2013, Nurburgring: Davies vince gara 2

Decide ancora la bandiera rossa che beffa Laverty e Melandri

WSBK 2013, Nurburgring: Davies vince gara 2

Quasi come in fotocopia a gara 1, la bandiera rossa è arrivata a decidere le sorti di gara 2 del Mondiale Superbike al Nurburgring proprio quando ci si attendeva una grande battaglia finale tra le due BMW di Chaz Davies e Marco Melandri e l'Aprilia di Eugene Laverty.

Anche in questa occasione è stata la presenza d'olio in pista ad indurre la direzione gara ad interrompere le ostilità. La Yamaha della wild card Matej Smrz ha infatti lasciato una bella chiazza d'olio all'uscita della prima curva dopo che il fratello d'arte si è reso protagonista di un highside abbastanza violento, ma apparentemente senza particolari conseguenze.

Una interruzione che ha servito a Chaz Davies l'opportunità di andare a cogliere la sua terza affermazione stagionale, grazie ad una classifica convalidata al termine del 17esimo giro, ovvero un paio di tornare più tardi rispetto a quando il pilota britannico era riuscito a scavalcare il compagno di squadra Melandri.

Proprio come stamani, dunque, il pilota ravennate è stato beffato dalla bandiera rossa, perchè poco prima aveva ceduto la sua posizione anche a Laverty, che con la piazza d'onore è riuscito almeno a riscattare in parte il ritiro della prima manche, arrivato in seguito ad una scivolata.

Dietro di loro, pur non riuscendo mai ad inserirsi concretamente nella lotta per la vittoria, ha ottenuto un quarto posto molto prezioso Tom Sykes. Parliamo infatti di un piazzamento che ha permesso al portacolori della Kawasaki di portarsi in vetta alla classifica iridata con un punto di vantaggio su Sylvain Guintoli, che ha chiuso proprio alle sue spalle con la sua Aprilia. Continuando a parlare del campionato, Melandri segue poi a 30 punti di distacco con Laverty 10 lunghezze più indietro.

Buona anche la gara di Davide Giugliano, che è rimasto agganciato al codone di Guintoli praticamente per tutta la gara, finendo per essere distanziato solo nelle tornate conclusive e piazzando la sua Aprilia in sesta posizione. A dover far felice il pilota del Team Althea deve essere soprattutto il distacco di oltre 11" rifilato al diretto inseguitore, che è il poleman Ayrton Badovini con la sua Ducati.

La top ten poi si completa con Michel Fabrizio, Max Neukirchner e Carlos Checa, ma bisogna ricordare che sulla griglia c'erano almeno tre assenze importanti: Loris Baz, Jonathan Rea e Leon Camier, infatti, non hanno potuto prendere il via a causa degli infortuni rimediati a cavallo tra il Warm-Up e la prima gara di oggi.

World Superbike - Nurburgring - Gara 2
World Superbike - Classifica campionato

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top