Sport

pubblicato il 17 giugno 2013

CIV Superstock 600: incidente per Alessia Polita

La pilota di Jesi potrebbe rimanere paralizzata. Si attendono fonti certe sul suo stato di salute. Attualmente è in prognosi riservata

CIV Superstock 600: incidente per Alessia Polita

Nella giornata di sabato 15 giugno presso il Misano World Circuit, la pilota Alessia Polita, intorno alle ore 9:00, è stata protagonista di un grave incidente. La cosa è avvenuta durante la seconda sessione di prove ufficiali; non ha avuto contatti con altri piloti ed ha perso il controllo della sua Yamaha R6 alla curva 16, l’ultima prima del rettilineo finale, prima di impostare la traiettoria. Era solo il primo giro delle qualifiche del terzo appuntamento del Campionato Italiano Superstock 600, quindi si pensa ad un guasto tecnico.

Subito soccorsa, Polita è stata trasportata in elicottero all'ospedale Bufalini di Cesena, presso un centro particolarmente attrezzato per questo tipo di traumi. Questo il bollettino medico diffuso nella tarda serata di sabato dalla Federazione Motociclistica Italiana organizzatrice del CIV: "Alessia Polita è stata sottoposta ad intervento neurochirurgico al rachide per frattura da scoppio della dodicesima vertebra dorsale, con lesione del midollo spinale. Attualmente è in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva".

Attualmente è in prognosi riservata; non si conosce ancora come sarà il suo futuro... Potrebbe rimanere paralizzata dal petto in giù, come recuperare; di sicuro il trauma subito è molto forte. Alessia si è poi svegliata ieri a mezzogiorno dal coma farmacologico. Il padre Giancarlo ha così dichiarato alla Gazzetta dello Sport: "Ho visto Alessia tagliare dritto la curva 16, prima del rettilineo finale. Mi sono lanciato tra i soccorritori. Lei era vigile. Mi ha detto che stava bene ma non riusciva a muovere le gambe. Ha spiegato che la moto ha avuto un problema meccanico (pare si sia bloccato l’acceleratore ma è da verificare). Era il giro di riscaldamento. Il giorno prima Alessia era scivolata, ma la moto non pareva danneggiata. I medici non ci hanno dato speranze e lei ha già capito tutto, anche se scoprirà la verità nei prossimi giorni. È triste ma dovremo abituarci. Alessia rimarrà in ospedale una decina di giorni. Poi andrà in un centro di riabilitazione. Per lei correre in moto era tutto. Aveva grande talento e l’ambizione di mostrarsi alla pari con tanti uomini". Vi terremo informati sul futuro di Alessia.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , 600 , pista , varie , personaggi , gare , piloti , personaggi famosi , incidenti , superstock


Top