Test

pubblicato il 12 giugno 2013

BMW F 800 GT 2013 - PROVA

Divertente e sicura, consuma pochissimo! La sport-tourer bavarese è una conferma. Costa 10.900 euro, ABS e primo tagliando compresi

BMW F 800 GT 2013 - PROVA
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 1
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 2
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 3
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 4
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 5
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Dinamiche - anteprima 6

La sport-tourer è ancora una categoria di moto che mantiene un largo bacino di utenti. Il motivo è semplice: ha un utilizzo poliedrico! In città schiena e polsi non sono messi a dura prova come su una sportiva, può essere comodamente equipaggiata con il tris di valigie e la borsa da serbatoio per fare le vacanze, la domenica per l’uscita con gli amici è perfetta... e se prude il polso destro, con le gomme giuste può anche farsi una giratina in pista! BMW Motorrad sono anni che crede in questa tipologia di moto, ecco perchè per il 2013 ha deciso di sostituire, dopo sei anni, la F 800 ST con la moto oggetto di questa prova, la BMW F 800 GT. La concorrenza ha il nome di Suzuki GSX 650 FT (7.690 euro) e Yamaha Fazer 8 (8.250 euro con ABS), mentre il prezzo della tedesca è di 10.900 euro, compreso ABS e primo tagliando.

GUIDA
Se già la F 8000 ST era una bella moto da guidare, immaginate cosa può essere la nuova F 800 GT, ulteriormente evoluta. Appena saliamo in sella notiamo un comfort decisamente migliorato, grazie a pedane "meno estreme" e alle ginocchia che vanno bene ad inserirsi negli incavi delle carene. Basta sfiorare il pulsante dello starter ed il propulsore prende vita con un piacevole borbottio, il medesimo della "R" e delle "GS". Il motore entra presto in temperatura e scopriamo subito una frizione estremamente morbida nel comando e particolarmente modulabile. Buono il funzionamento del cambio, anche se la prima è un po’ troppo corta e la seconda un po’ troppo lunga, particolare trascurabile in città, ma meno sui tornantini stretti in montagna. Nell’utilizzo cittadino il sottocoppia è corposo, particolare che permette sia di passare subito all’ultimo rapporto che di passeggiare anche sugli stradoni dove il limite è di 70 Km/h, senza tra l'altro nessun rifiuto all’apertura del gas. Le sospensioni filtrano bene le buche ed il pavè, mentre i freni sono sempre pronti. Peccato che l’ABS tenda ad allungare un po’ troppo gli spazi di frenata. Quanto all’ASC, è sempre pronto ad intervenire appena la ruota posteriore perde aderenza, mentre l’ESA, montato sull’esemplare in prova, è sensibilissimo. Sul pavè con il setting "Comfort" si viaggia in maniera... comfortevole e bastano due click al manubrio per tornare in posizione "Normal". Ottimi i consumi, non è difficile superare i 20 Km/l.

Lasciamo il tratto urbano per affrontare un tracciato misto, formato di autostrada, statali e percorsi collinari. In autostrada si "fila" sicuri, con il corpo ben protetto dalla carena. Gambe e piedi sono "avvolte" e non ricevono turbolenze. Quanto alla parte superiore, il pilota è riparato fino a circa metà casco (il tester è alto 1,86 m). I consumi si attestano sui 24 Km/l, peccato solo che si avverta qualche vibrazione di troppo, anche se decisamente sopportabile, a mani e piedi. Lasciamo l’autostrada per recarci verso la montagna. Sulle statali la moto è godibilissima, con il motore che fa tutto quello che gli viene chiesto. La GT è stabile nei curvoni, anche in due e con le valigie cariche, e l’unico neo sono gli specchi retrovisori che offrono una visuale sicuramente migliorabile.

E finalmente siamo in collina! Su questo tipo di percorsi la F 800 GT diverte moltissimo. In curva è stabile, merito anche delle Metzeler Roadtec Z8, letteralmente infaticabili! Questa BMW segue tutti i comandi impartiti dal pilota, il propulsore spinge bene (anche con il passeggero) ed i freni sono sempre pronti e modulabili. L’ESA può tranquillamente essere mantenuto su "Normal", perchè su "Sport" il mono diventa troppo duro nell’idraulica. Quanto alla forcella, la taratura è ottima e consente di "forzare" il ritmo senza nessun problema. Ci piacerebbe però che questa fosse regolabile per "cucirsi" la moto addosso.

Insomma questa BMW F 800 GT ci ha convinto! L’illuminazione notturna poi, è superlativa e con consumi del genere... Durante un week-end in coppia a pieno carico, abbiamo affrontato di tutto, dalle autostrade alle strade di montagna ed i dati registrati alla fine dei tre giorni sono stati di 22,2 Km/l, abbastanza per convincerci a non volerci separare da una moto giunta all’apice della sua maturità. Diverte e non stanca, peccato solo per qualche vibrazione di troppo quando il motore sta su di giri. Infine gli accessori: la moto in prova era equipaggiata con il Comfort Package, che comprende cavalletto centrale (135 euro), manopole riscaldabili (215 euro), computer on-board (170 euro) e supporti valigie (100 euro) per un prezzo di 570 euro e con il Safety Package, formato da ASC (315 euro), ESA (310 euro) ed RDC (controllo pressione gomme - 225 euro) per un valore di 730 euro, per un prezzo di 12.200 euro totali.

NUOVO DESIGN
La nuova F 800 GT vanta una nuova carena integrale completamente rivista nel design: ora è più raffinata e ricercata e vi è un parabrezza maggiorato. La scocca del fanale anteriore è ripreso dal maxi scooter C 650 GT, mentre il cockpit deriva dalla F 800 R. Il resto, ad eccezione del collettore ed il terminale di scarico, ripresi dalla sorella naked, è rimasto invariato. Ora abbiamo tre colorazioni: Valenciaorange e Darkgraphit metallizzati o Lightwhite. Naturalmente è stato rivisto anche l’impianto elettrico, rivisitato rispetto alla precedente ST: questo si basa sempre sulla rete di bordo con tecnologia CAN-bus ed ovviamente i comandi al manubrio sono di ultima generazione. Le valige a guscio rigido (optional), che ci sono state fornite da BMW Motorrad, offrono un volume di carico di 55 litri ed una capacità fino ad 10 Kg, un must su una moto di questo tipo. Ulteriori e leggere modifiche, riguardano il telaietto posteriore e l'ottimizzazione dei supporti delle pedane del passeggero.

MOTORE DA 90 CV
Il propulsore è il bicilindrico in linea, 4 tempi, raffreddato a liquido e 4 valvole per cilindro della fortunata serie F. Gli alberi a camme sono due, la lubrificazione è a carter secco e la cilindrata è di 798 cc, qui con il cambio a sei rapporti invariato, ma con una modifica riguardante la compensazione delle masse attraverso una biella oscillante supplementare. La potenza massima è di 90 CV a 8.000 giri/min e la coppia massima è di 86 Nm a 5.800 giri/min. Quanto alla trasmissione finale, si è optato per la cinghia con parastrappi. BMW Motorrad, dichiara poi consumi estremamente interessanti: a 90 Km/h si consumano 3,4l/100 Km e a 120 Km/h, 4,3l/100 Km.

CICLISTICA RIVISTA
Rispetto alla vecchia ST, sono state apportate mirate modifiche alla ciclistica. Il telaio resta un doppio trave in alluminio e a culla aperta, mentre il braccio oscillante posteriore è stato allungato di 50 millimetri. Sempre al posteriore, abbiamo ora una leggera riduzione dell’escursione della molla (15 mm), per 125 mm totali ed il conseguente abbassamento dell'altezza della sella da 840 mm a 800 mm. Le sospensioni restano le medesime, con una forcella telescopica da 43 mm non regolabile e un monoammortizzatore regolabile nell’estensione e nel precarico molla tramite manopola ad azionamento idraulico. Medesime misure anche per i pneumatici, con l’anteriore da 120/70 ZR 17 ed il posteriore da 180/55 ZR 17. Confermati i freni, davanti con due dischi flottanti da 320 mm e pinza fissa a 4 pistoncini, e dietro un disco singolo da 265 mm e pinza flottante a pistoncino singolo. Di serie vi è il BMW Motorrad ABS. Il peso della moto è di 213 Kg in ordine di marcia ed il serbatoio è ora da 15 litri.

Quanto all’ergonomia, sono state riposizionate le pedane, ora spostate di 10 mm in avanti e abbassate di 10 mm, così da offrire un angolo del ginocchio sensibilmente più comfortevole. In optional, sono ora disponibili il controllo automatico della stabilità ASC (Automatic Stability Control - all'occorrenza disattivabile ) e l'ESA (Electronic Suspension Adjustment) che consente al pilota di regolare elettricamente anche durante la guida lo smorzamento del solo ammortizzatore posteriore nella fase di estensione.

CI PIACE
Consumi bassi
Erogazione propulsore
Ciclistica equilibrata

NON CI PIACE
ABS migliorabile
Vibrazioni oltre i 5.500 giri/min

ABBIGLIAMENTO TEST
In questo test abbiamo utilizzato:

Scorpion Exo-900 Virtuose
Giacca BMW Motorrad
Stivali TCX

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 1
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 2
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 3
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 4
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 5
  • BMW F 800 GT 2013 - Foto Statiche - anteprima 6

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Test , bicilindriche , turismo , 800 , prove


Listino BMW F 800 GT - model year 2013

F 800 GT
Cilindrata
798.00 cm³
Potenza
66.00 kW / 90.00 CV
Coppia
8.76 kgm / 86.00 Nm
Peso
213.00 kg
Altezza sella
765 mm
Prezzo
10.790,00 €
Vai al Listino »
Top