Sport

pubblicato il 10 giugno 2013

WSBK 2014: la FIM vara le nuove regole

Il contenimento dei costi è l’obiettivo principale da conseguire in tre anni. Arrivano i motori contingentati

WSBK 2014: la FIM vara le nuove regole

Il contenimento dei costi sta diventando un tormentone sempre più presente in tutte le competizioni, da quelle più importanti a livello internazionale, fino ai campionati amatoriali. La "spending review", già attuata dalla Fim con il regolamento 2013, che ha già portato conseguenze negative per le squadre come la possibilità di correre con una sola moto (ne ha pagato le spese Tom Sykes in Gara 2 a Portimao proprio ieri), sembra non essere destinata a fermarsi qui.
E’ notizia di questo weekend, infatti, che Fim, Dorna e Msma annunciano che sono state raggiunte le intese tra i soggetti coinvolti per varare le nuove regole che partiranno nel 2014. Negli obiettivi del nuovo regolamento c’è il fissare un tetto massimo al prezzo di una moto completa, valore che dovrebbe calare progressivamente nel corso dei prossimi tre anni. Quindi c’è da attendersi che anno dopo anno il prezzo massimo vada a scendere e di conseguenza il livello di competitività dei mezzi coinvolti. Nella nota si legge anche che sarà introdotto un numero massimo di motori a disposizione nell’arco della stagione per ogni singolo pilota, e che i componenti sui quali saranno attuate le riduzioni di costi saranno le sospensioni, i freni e i rapporti del cambio. Negli accordi tra Federazione, organizzatori e Case, inoltre, è anche emerso che i costruttori sono tutti d’accordo nell’approntare un certo numero di motociclette "clienti", tutte con lo stesso livello di preparazione, da vendere alle squadre private o da affidare in leasing.

Non ci troviamo particolarmente in accordo sul fatto che fissare un prezzo massimo delle moto sia utile ad abbassare i costi, perché ci sembra una regola fin troppo facile da aggirare "barando" e dichiarando prezzi che poi non corrispondono al vero. Giusto, invece, il contingentamento dei motori, strumento in grado di porre subito un limite alle possibilità di elaborazione e che tiene sotto controllo i costi delle revisioni. Le parti hanno dichiarato che presto sarà emanato il regolamento tecnico 2014; vi terremo aggiornati.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , superbike , gare , autodromi , anticipazione , 1200


Top