Test

pubblicato il 5 giugno 2013

Honda MSX 125 - TEST

Divertentissima, non consuma nulla ed è un vero furetto nel traffico cittadino! Bianca o nera, costa 3.100 euro

Honda MSX 125 - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 1
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 2
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 3
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 4
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 5
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Dinamiche - anteprima 6

Lo scrittore inglese J.R.R. Tolkien, nella sua fantasia creò una razza immaginaria che così descrisse nell suo Silmarillion: "Forti e resistenti. Ne consegue che essi sono duri come sasso, testardi, pronti all’amicizia e all’ostilità, e sopportano le fatiche e la fame e il dolore fisico più impavidamente di ogni altro popolo parlante. E vivono a lungo, ben più degli uomini, non tuttavia per sempre". I Nani. Honda, invece, creò negli anni ‘60 la Monkey, moto che si è evoluta ai giorni d’oggi è ha preso il nome di Honda MSX 125. Come vedremo, questa "creatura" ha molto in comune con i nani di quel gran genio di Tolkien. Offerta nella colorazione bianca o nera, ha un prezzo di 3.100 euro.

LA CITTA’ TREMA!
E vediamoli questi particolari che rendono la MSX 125, simile alle creature fantastiche dello scrittore. La prima cosa è sicuramente... l’altezza. E’ bassa, piccola e concentrata, abbastanza da far toccare con i piedi a terra tutti, ma proprio tutti! E’ forte e resistente, grazie ad un propulsore con una coppia di 10,9 Nm e ad anni ed anni di collaudi, tanto che la maggior parte dei concorrenti asiatici si sono ispirati a questo monocilindico per la realizzazione dei propri motori. Il piccolo propulsore ha una buona spinta, il cambio è privo di sbavature e la frizione la si tira con un dito. E’ dura, perchè la sella è di marmo (dopo circa 80 Km di test avremmo desiderato un bel divano...) e le sospensioni hanno poca escursione, anche se sono tarate molto bene e "danno" sicurezza in curva. E’ testarda, sarete voi a doverla forzare a fermarsi sul cavalletto, perchè questo fa fatica ad esser tolto dalla sua posizione iniziale. Pronta all’amicizia, perchè si sale in sella e con la MSX 125 ci si gioca come dei ragazzini con una bicicletta; basta solo pensare un movimento e lei lo ha già fatto! Ostile: quando gli scooteristi rimarrano incastrati tra le auto al semaforo, vi vedranno come un nemico, perchè con questa moto riuscirete ad infilarvi ovunque. Sopporta la fatica e il dolore fisico: l’abbiamo maltrattata, portando il motore in fuorigiri, strapazzando la frizione, i freni, le sospensioni (più volte le abbiamo mandate "a pacco" N.d.R.) nello skatepark con qualche piccolo salto, e lei non ha mai rifiutato nulla, anzi, quel grosso fanale anteriore sembrava chiederci: "Sei stanco? Io... no!". Quanto alla fame, è esageratamente parca nei consumi. Siamo partiti con il pieno e a fine test l’indicatore della benzina era ancora fermo lì! Quanto alla vita, non sappiamo ancora dirvi, ma visto che i vecchi Moneky girano ancora...

Insomma questa piccola moto simpatica, nel traffico è esageratamente divertente ed attira gli sguardi di tutti, soprattutto al semaforo, quando le persone iniziano a fare una dozzina di domande sul mezzo. Consuma pochissimo, ha una frenata sicura, un motore che per l’utilizzo cittadino è perfetto, e se volete, potete anche personalizzarla grazie alla possibilità di sostituire uno dei 17 pezzi di cui è formata. Con un peso di appena 101,7 Kg può essere spostata in un fazzoletto di asfalto. La si parcheggia anche in un buco e l’idea di scordarsi di fare benzina non è da sottovalutare. Difetti, sella dura a parte, gli specchietti non mantegono la posizione imposta e naturalmente lo spazio riservato al pilota non fa certo pensare ad un mezzo comfortevole. La città è avvisata, c’è un nuovo Nano per le strade!

DESIGN
La piccola MSX125 è ultracompatta. All’anteriore troviamo un faro con proiettore combinato, una soluzione che consente l'utilizzo di un'unica lampada (tipo HS1 a doppio filamento da 35W/35W) per anabbagliante e abbagliante che sfruttano le superfici della parabola multireflector. Una luce blu, affianca poi la lente del proiettore migliorando la visibilità nel traffico. In tema di fanali, al posteriore troviamo un gruppo ottico a LED. La strumentazione ha un display digitale LCD con illuminazione color ambra che include informazioni quali tachimetro, contachilometri con doppio parziale, indicatore del livello carburante e orologio. Le versioni cromatiche per il mercato italiano sono due: Solid Asteroid Black Metallic e Pearl Himalayans White.

MOTORE RAFFREDDATO AD ARIA
Il propulsore è raffreddato ad aria, ha distribuzione monoalbero a 2 valvole ed una cilindrata di 124,9 cc per una potenza di 10 CV a 7.000 giri/min ed una coppia massima di 10,9 Nm a 5.500 giri/min. Deriva da uno dei più collaudati e affidabili propulsori Honda, prodotto fino ad oggi in quasi 1 milione di unità, qui ulteriormente sviluppato. Adotta tecnologie a basso attrito, come il cilindro disassato ed il bilanciere a rullo per l'azionamento delle valvole. Il cambio è a quattro rapporti e la frizione è multidisco in bagno d’olio. La trasmissione finale ha un pignone da 15 denti ed una corona da 34 denti. L’alimentazione avviene tramite l’iniezione elettronica PGM-FI. Quanto allo scarico, è formato da tre parti (due per il collettore). L’airbox è da 3 litri con filtro a pannello in carta. Quanto ai consumi, Honda dichiara 63,2 Km/l ad una velocità costante di 60 Km/h.

CICLISTICA... SUPERAGILE
Il telaio è un monotrave dorsale in acciaio a sezione quadra. Il serbatoio è da 5,5 litri ed il peso con il pieno è di 101,7 Kg. L’interasse è di appena 1.200 mm, ma per mantenere l’equilibrio dinamico, l’inclinazione del cannotto di sterzo è di 25°. L’altezza della sella è sita ad appena 765 mm da terra. La forcella è a steli rovesciati da 31 mm, la prima mai montata su un 125 cc della Casa dell’Ala. Le piastre della forcella sono sovradimensionate, mentre al posteriore troviamo un monoammortizzatore collegato ad un forcellone in acciaio scatolato.ollegato al forcellone in acciaio scatolato. I cerchi sono in alluminio pressofuso da 12'' e sono formati da 12 razze a Y. Le misure dei pneumatici sono di 120/70-12 all’anteriore e 130/70-12 al posteriore. Quanto ai freni, abbiamo un disco anteriore da 220 mm "morso" da una pinza a due pistoncini paralleli ed un disco posteriore da 190 mm con pinza a un pistoncino singolo.

ABBIGLIAMENTO TEST
In questo test abbiamo utilizzato:
Casco X-Lite X-551
Guanti Spidi
Giacca Ixon Krypton
Pantaloni Promo Jeans
Stivali Alpinestars Tech Touring gtx

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 1
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 2
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 3
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 4
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 5
  • Honda MSX 125 - TEST - Foto Statiche - anteprima 6

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Test , monocilindriche , varie , test , citta


Listino Honda MSX 125 - model year 2013

MSX 125
Cilindrata
124.90 cm³
Potenza
7.20 kW / 10.00 CV
Coppia
1.11 kgm / 10.90 Nm
Peso
101.70 kg
Altezza sella
765 mm
Prezzo
3.125,00 €
Vai al Listino »
Top