Attualità e Mercato

pubblicato il 4 giugno 2013

Caso Husqvarna: si interessa la MV Agusta

Mentre Maroni scende in piazza con gli operai, Giovanni Castiglioni apre uno spiraglio per Cassinetta

Caso Husqvarna: si interessa la MV Agusta

Torniamo a scrivere ancora di quello che ormai è diventato un vero e proprio "Caso": quello di Husqvarna, ceduta mesi addietro dalla BMW a Pierer Industries. Nel corso delle settimane passate i lavoratori dello stabilimento di Cassinetta di Biandronno si sono mobilitati con l’aiuto dei sindacati e il caso è finito dritto sul tavolo del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e di lì sulle scrivanie del Ministero dello Sviluppo Economico che ha aperto un tavolo di trattativa tra le parti. Il primo risultato positivo è già stato messo in evidenza nei giorni scorsi, quando la nuova proprietà ha deciso di ritirare la cassa integrazione straordinaria, sostituita da tre mesi di "ordinaria". Tutto ciò va visto in ottica positiva perché consentirebbe ad altri imprenditori di interessarsi al sito produttivo prima che Pierer sbaracchi tutto e porti la produzione a Mattighofen.

A quanto pare un piccolissimo spiraglio potrebbe aprirsi per mano di Giovanni Castiglioni, attualmente titolare della MV Agusta e figlio del compianto Claudio. Sì, proprio di chi nel 1986, insieme al fratello Gianfranco, acquistò l’Husqvarna dalla Svezia portandola in Italia. In un’intervista rilasciata a La Provincia di Varese, Castiglioni ha dichiarato di aver "riflettuto molto sul caso Husqvarna e se ci fosse un pacchetto percorribile con tutte le condizioni sostenibili, economiche, finanziarie, sindacali e ministeriali, potrei essere interessato al sito di Cassinetta. Premesso che non ho parlato con nessuno di nulla, a determinate condizioni, questa possibilità potrebbe essere esplorata. Se mi chiedono se ho bisogno adesso di 200 dipendenti in più o di uno stabilimento la mia risposta è negativa, ma se c'è un piano industriale ampio, con il supporto dei vari enti, dello Stato e naturalmente con l'attuale proprietà, che deve fare la sua parte, potrei valutare di prendermi questo rischio".

Ora: già mesi addietro quando iniziavano a circolare le voci sul passaggio di Husqvarna a KTM, qualche insider ci riportò di una telefonata in arrivo da Monaco verso Varese, nella quale si proponeva a Castiglioni di rilevare lui stesso lo stabilimento. Adesso Castiglioni apre uno spiraglio dichiarandosi interessato, ma allo stesso tempo sostiene di non essere interessato… Insomma, la sensazione è che Castiglioni stia tendendo una mano verso Pierer per vedere se l’austriaco è disposto a venire incontro ai vecchi proprietari dello stabilimento. A nostro avviso, in questo momento storico in cui la MV Agusta sta ottenendo risultati commerciali notevoli, grazie a prodotti azzeccati come la Brutale 800, Castiglioni potrebbe trovarsi davanti un’occasione d’oro per riportarsi a casa lo stabilimento che la MV Agusta stessa costruì anni addietro e che la BMW ha rimesso a nuovo di recente. Rimanete con noi, seguiremo tutta la vicenda giorno dopo giorno.

Fonte: La Provincia di Varese

Top