Sport

pubblicato il 29 maggio 2013

Suzuki MotoGP 2014: test positivi a Motegi

La Suzuki MotoGP 2014 prenderà parte ai test di Barcellona a metà giugno. De Puniet l’ha già provata a lungo a Motegi

Suzuki MotoGP 2014: test positivi a Motegi

La stagione 2013 della MotoGP è solo all’inizio e già le case stanno lavorando a pieni ritmi sul 2014. Non più tardi di qualche giorno fa vi abbiamo mostrato le prime immagini della Honda clienti che Nakamoto ha voluto per riempire le griglie di partenza e oggi torniamo sull’argomento perché la Suzuki è sempre più vicina al ritorno alle competizioni in MotoGP. Sul fatto che la casa di Hamamatsu stesse preparando una moto che proseguisse lo sviluppo della GSV 800 ritiratasi dalle gare solo due anni addietro non è affatto un mistero, ma il fatto interessante è che la moto sembrerebbe già pronta per confrontarsi con le avversarie.

A Motegi nei giorni scorsi, infatti, non erano presenti solo le Honda "private" ma anche Randy de Puniet, assoldato dalla Suzuki come collaudatore della futura MotoGP. Il francese, che aveva avuto l’opportunità di provare la GSV-R800 sul finire del 2011, ha testato la moto per due giorni percorrendo un centinaio di giri, e i riscontri sono stati apparentemente positivi, al punto che la moto verrà portata ora in Europa e prenderà parte ai prossimi due test organizzati dalla Dorna, il primo il lunedì seguente la gara di Montmelò del 16 giugno e il secondo pochi giorni dopo ad Aragon.
De Puniet non ha potuto rivelare i dettagli del test, ma il suo manager Eric Mahé ha confermato a MotoGP.com che la prova è stata positiva e che gli ingegneri di Suzuki sono rimasti favorevolmente sorpresi del rendimento del pilota e della qualità dei suoi feedback. Il francese ha trovato subito un buon feeling con gli ingegneri di Suzuki con cui ha discusso a lungo su punti forti e deboli della moto.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , motogp , pista , autodromi , piloti


Top