Novità

pubblicato il 26 ottobre 2006

Aprilia RXV 2007

Piccoli aggiornamenti in chiave 2007

Aprilia RXV 2007
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 1
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 2
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 3
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 4
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 5
  • Aprilia RXV 2007 - anteprima 6

Come ogni buon produttore di moto off-road, anche aprilia sceglie di adottare la politica del rinnovamento dei propri modelli di anno in anno. Nulla di stravolgente, ma piccole grandi novità che di anno in anno vengono introdotte per migliorare tutti quegli aspetti che nella stagione precedente non hanno soddisfatto piloti e clienti.

Ed in quest'ottica RXV 2007, la versione "terra" del rivoluzionario progetto Aprilia, introduce lo step 2 del bicilindrico a V di 77°, che porta in dono nuovi profili del pistone e nuovi segmenti, una nuova mappatura della centralina elettronica, un motorino di avviamento rivisto ma soprattutto intervalli di manutenzione più ridotti. Una delle critiche che è stata da più parti avanzata, infatti, sta nel fatto che con la manutenzione piuttosto frequente richiesta dalle specifiche del costruttore - cosa di cui hanno bisogno anche le giapponesi e le austriache... - i costi di gestione di queste moto sono piuttosto elevati: sostituire i due pistoni, in effetti, è un'operazione decisamente più complessa in termini di tempo e di ricambi rispetto ad un propulsore monocilindrico.

Per il resto il V77 non è cambiato, con le due cilindrate 450 e 550 divise per livelli di potenza e per pochi dettagli oltre i gruppi termici, tra cui i diversi corpi farfallati (38mm per il 450 e 40 per il 550). Per il resto ritroviamo tutto al proprio posto, a partire dai carter centrali in lega Alluminio Silicio per arrivare ai coperchi in magnesio passando per elementi come le otto valvole in titanio, l’ingranaggeria profondamente alleggerita o l'albero motore monolotico...
Due piccoli gioielli in grado di girare ben oltre i 12.000 giri - 13.000 è il limite elettronico del 450 - assicurando livelli di potenza superiori a quelli offerti dalle rivali.

Passando alla ciclistica, il telaio perimetrale è stato sviluppato di pari passo con il motore e per il 2007 si alleggerisce di altri 500 grammi ponendosi come uno del telai più leggeri della categoria. Un traliccio di tubi in acciaio è fissato per interferenza a piastre laterali in alluminio stampato a formare una struttura estremamente rigida. Il motore è parte integrante della ciclistica agendo come elemento stressato e contribuendo alla rigidità dell’insieme. 

Il forcellone di alluminio a sezione variabile è un elemento caratteristico della moto ma soprattutto offre la rigidezza strutturale più alta della categoria. Un leveraggio progressivo aziona il monoammortizzatore Sachs pluriregolabile, con Piggy back e doppia regolazione idraulica delle alte/basse velocità.  Per il model year 2007 è stata modificata la taratura allo scopo di migliorare la stabilità e il controllo sui terreni smossi.

La forcella a steli rovesciati da 45mm ha settaggi studiati per ciascuna moto e offre tutte le regolazioni possibili così che ogni pilota possa personalizzare l’assetto del mezzo.  La RXV 2007 riceve una nuova taratura studiata dai piloti ufficiali, per incrementare la stabilità sul veloce e la capacità di assorbimento sui terreni pietrosi.

Massima tecnologia e performance della ciclistica trovano una spalla adeguata in un impianto frenante ai massimi livelli. Sulla RXV spiccano le pinze Nissin che frenano dischi wawe alleggeriti (270 mm l’anteriore), per il massimo controllo della frenata nelle situazioni difficili. Il disco posteriore, invece, è da 240 mm con pinza a singolo pistoncino.

RXV è una moto “race oriented”, ancor più nel 2007 grazie ad un nuovo kit fornito a corredo della moto che consente di renderla praticamente pronto gara. Il kit comprende il faro anteriore alleggerito con cablaggio semplificato che permette di eliminare blocchetto accensione e strumentazione, le tabelle portanumero, il faro a led e miniportatarga posteriore, un comando gas allegerito senza starter e con camma più progressiva. Grazie a questo kit per uso racing, si possono risparmiare altri 2 kg.

Non manca, ovviamente, uno scarico racing realizzato da aprilia con la collaborazione della Akropovic.

Autore: Redazione

Tag: Novità , bicilindriche , enduro


Top