Novità

pubblicato il 21 maggio 2013

Husaberg: gamma 2014

Per i 25 anni arrivano delle grafiche speciali. I modelli sono sette, sia a 2 che 4 Tempi. Saranno le ultime moto della Casa svedese...

Husaberg: gamma 2014
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 1
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 2
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 3
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 4
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 5
  • Husaberg: gamma 2014 - anteprima 6

Dopo aver rinnovato la gamma l’anno scorso, Husaberg va all’attacco del 2014 con una linea che va a focalizzarsi sull’ottimizzazione degli attuali sette modelli a catalogo, suddivisi a loro volta tra 2 e 4 Tempi. I tecnici hanno lavorato per incrementare la guidabilità e la manovrabilità, indipendentemente dal terreno. A questo, si aggiunge la FE 250 che vanta un nuovo motore. Queste moto saranno probabilmente le ultime Husaberg, visto che dall’anno prossimo, la casa svedese tornerà "insieme" ad Husqvarna. Vediamo insieme cosa cambia nella gamma giallo-blu che va dalla piccola TE 125 alla più grossa FE 501.

NUOVE GRAFICHE... E NON SOLO
Le nuove moto avranno tutte un nuovo look all’insegna delle celebrazioni dei 25 anni. Per tutte arriva un nuovo tappo del serbatoio (basta ¼ di giro per avvitare o svitare), una piastra di sterzo rivista (lavorata al CNC) e un nuovo display. Tutti i modelli poi, vantano una differente taratura delle sospensioni (la FE 250 ha poi lo stesso setting della FE 350). La forcella è una 4CS USD WP Closed Cartridge. Sono stati rivisti anche i telai della FE 250 e della FE 350, in modo da migliorare l’handling. Per la prima abbiamo poi un nuova ECU, e per la TE 250 e 300 la batteria è stata maggiorata.

FE 250: NUOVO MOTORE!
Per il 2014 la FE 250 vanta un nuovo motore che offre molta più coppia del precedente propulsore, grazie al pistone forgiato (più leggero) ed al nuovo cilindro (corsa accorciata di 2.7mm, maggior alesaggio e valvole di aspirazione più grandi). L’albero a gomiti è nuovo (con bronzina anziché cuscinetto con incremento degli intervalli di manutenzione), come lo è anche il carter e la camera di scoppio, mentre il volano è stato "alleggerito" del 5%. L’Engine Management System è stato rivisto nella taratura (l’iniezione ha un corpo farfallato da 42 mm della Keihin - EMS) e ora c’è la frizione DDS dotata di un nuovo pacco frizione. Nuovo lo scarico (con tubo a due coni perforato), mentre è stato tolto il kick starter.

FE 350
Per la FE 350 sono stati aumentati gli intervalli di manutenzione. Anche qui sparisce il kick starter per diminuire il peso e arriva il corpo farfallato da 42 mm della Keihin-EMS. Le pompe dell’olio sono due, c’è la nuova frizione DDS e l'albero motore è con bronzina anziché cuscinetto con incremento degli intervalli di manutenzione.

FE 450 ED FE 501
La FE 450 e la FE 501 hanno la distribuzione SOHC più leggera del 10% ed una cguarnizione della testata ottimizzata per incrementare l’affidabilità. Il meccanismo del decompressore automatico è stato rivisto e sono stati aumenti gli intervalli di manutenzione. Le fasce del pistone sono nuove e garantiscono performance superiori, ed anche qui abbiamo la frizione DDS e l’iniezione Keihin EMS con corpo da 42 mm. Segnaliamo infine l'arrivo della biella Pankl ad alte prestazioni.

TE 125
La piccola TE 125 vanta il nuovo pacco lamellare realizzato dalla Boyesen. L'anodizzazione del pistone è stata rivista per aumentare la durata dello stesso ed è stata ritoccata la taratura del carburatore per una risposta più pronta al comando del gas.

TE 250
La TE 250 ha una nuova testa del cilindro, per ottimizzare la combustione ed anch’essa guadagna il pacco lamellare della Boyesen. E’ stata modificata la mappatura dell’iniezione e ora c’è la frizione DDS. Come per la sorellina più piccola, è stata rivista la taratura del carburatore ed oltre alla forcella, anche il monoammortizzatore posteriore (sempre un WP dotato di PDS) ha una nuova taratura.

TE 300
Anche la TE 300, vanta come la 250 cc una nuova testa del cilindro e il nuovo pacco lamellare della Boyesen. Anche qui è stata rivista la mappatura dell’iniezione ed ora c’è la frizione DDS. La taratura del carburatore è diversa e oltre alla forcella, anche il monoammortizzatore posteriore (sempre un WP dotato di PDS) ha una nuova taratura.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , enduro , fuoristrada


Top