Attualità e Mercato

pubblicato il 9 maggio 2013

Il Caso Husqvarna va in televisione

Arrivano le telecamere di Rai Tre e gli operai in protesta vanno in diretta su “Agorà”

Il Caso Husqvarna va in televisione

La questione Husqvarna sta assumendo toni sempre più accesi con il passare dei giorni. Le maestranze, i sindacati e anche le amministrazioni locali di Biandronno sembrano intenzionate a lottare fino alla fine per far valere i propri diritti. La scorsa settimana il caso è assutro agli onori della cronaca grazie all’interessamento del Presidente della Regione Roberto Maroni, che ha preso parte a degli incontri e raccolto un dossier che dovrebbe essere stato presentato nei giorni scorsi al Presidente del consiglio Enrico Letta.

Lo scorso martedì, invece, è stata la televisione nazionale a intervenire inviando la troupe di Agorà, trasmissione condotta da Gerardo Greco a raccogliere le testimonianze dei lavoratori in protesta davanti ai cancelli di Cassinetta di Biandronno. A fianco dei manifestanti il sindaco di Biandronno, Antonio Calabretta, il senatore della Lega Nord Stefano Candiani e i sindacalisti Otello Amabile, Stefania Filetti e Mario Ballante. Le parole del senatore Candiani ai microfoni di Rai Tre sono state: "Faccio un appello di non preoccuparsi solamente del caso degli operai dell’Husqvarna con un piccolo spazio televisivo, ma bisogna essere presenti sempre, altrimenti la loro battaglia di giustizia diventa una battaglia marginale. (…) e qui si è trattato di un caso di saccheggio industriale".
Presenti in studio numerosi parlamentari, tutti più o meno d’accordo sul fatto che debba essere il Governo Italiano a intervenire con una politica industriale in questi casi.
Attualmente i lavoratori dello stabilimento di Cassinetta di Biandronno sono i attesa di essere ricevuti dalla Regione Lombardia che pare avrebbe fissato un ulteriore incontro con le parti per domani, venerdì 10 maggio.
Restate sintonizzati, seguiremo la vicenda giorno per giorno.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , enduro , mercato , cross , editoriale


Top