Attualità e Mercato

pubblicato il 9 maggio 2013

Manutenzione stradale: il Comune risarcisce 8,6 milioni di euro

Si chiude così un caso sull’incidente di Medola del 2001

Manutenzione stradale: il Comune risarcisce 8,6 milioni di euro

Sarebbe bello sapere dove finiscono i soldi che dovrebbero essere dedicati alla manutenzione delle strade, ma di sicuro da oggi, i Comuni staranno più attenti alla manutenzione stessa, visto che un Ente locale è stato appena condannato a un mega-risarcimento. Quanto? Ben 8,6 milioni di euro per un automobilista che subì lesioni gravissime e permanenti in seguito ad un incidente dovuto alla ghiaia presente sull’asfalto. Gli avvocati di Gabriele Petrungaro, l'automobilista che nel 2001 rimase vittima di un incidente terrificante a Meldola (Forlì-Cesena), hanno vinto. Il Comune stesso ed un'azienda addetta ai lavori di manutenzione su quella strada, dovranno indennizzare il giovane come ha stabilito la Corte d'Appello di Bologna, soldi che andranno ad aggiungersi al mezzo milione già ricevuto dopo la prima sentenza. E attenzione, perchè i soldi dovranno essere sborsati, a prescindere dall’eventuale ricorso in Cassazione.

LA "MALEDETTA" GHIAIA
Il fatto. In una notte del giugno 2001 sulla strada San Lorenzo-Fiordinano (Comune di Meldola), l'allora 22enne Gabriele Petrungaro, residente a Predappio, alla guida di un’auto finisce fuori strada e si ribalta. Il giovane riporta lesioni irreversibili con danni permanenti alla deambulazione. La causa del sinistro è la ghiaia mista a bitume sul manto stradale, per giunta non segnalata. E’ l’aprile 2008, e nella battaglia legale fra la vittima dell’incidente ed il Comune, l’amministrazione perde in primo grado. Ora la Corte d'appello di Bologna ha ritenuto valide le ragioni dell'avvocato della famiglia Petrungaro, raddoppiando il risarcimento: responsabili del sinistro, sia il Comune di Meldola e la ditta che aveva in appalto i lavori.

IL PRECEDENTE CHE POTREBBE... SPIANARE LA STRADA
Ne siamo tutti protagonisti, e parliamo delle strade sempre meno curate a causa di un minor uso dell’asfalto. Questa sentenza rappresenta un precedente fondamentale, soprattutto per noi motociclisti e scooteristi, visto che una "pozzanghera" di ghiaia può risultare una delle cause primarie per una scivolata, banale o grave che questa sia. Al di là del caso specifico, è chiaro che che tutti noi si debba tenere gli occhi aperti il più possibile, viste le condizioni pietose delle strade, ma questa volta, si sa a chi imputare la responabilità dell’eventuale sinistro!

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , varie , codice della strada , incidenti , citta


Top