Interviste

pubblicato il 18 aprile 2013

MotoGP 2013: intervista ad Andrea Dovizioso

Ad Arco di Trento abbiamo scambiato due chiacchiere con il pilota della Ducati, spettatore al Mondiale MX

MotoGP 2013: intervista ad Andrea Dovizioso

In occasione del Mondiale MX 2013, nella tappa italiana tenutasi ad Arco di Trento, dove Tony Cairoli ancora una volta ha sbancato, abbiamo incontrato Andrea Dovizioso, spettatore e tifoso, ma anche praticante delle disciplina.

Andrea so che sei un grande appassionato di motocross e ti ho visto in pista. Sei un pilota molto veloce. Quest'anno che non hai più impegni con Yamaha, con che moto corri?
"Non si può dire, ma KTM..."

Ti trovi meglio con il 250?
"Sì sì, assolutamente, è più che sufficiente la potenza del 250, per i miei avambracci di un pilota che non è sufficientemente allenato, per fare motocross ci vuole tanto allenamento!".

Ok però io ti ho visto girare e secondo me se tu corressi l'Italiano Motocross... ti qualificheresti. Ti è mai venuta voglia di provare?
"Tantissima, io vorrei correre adesso, fare il campionato italiano e il regionale di cross, e... il Motomondiale, ma logicamente non è possibile farlo e sarebbe stupido farlo, ma non hai idea di quanto lo vorrei fare!".

Hai iniziato con Salvini?
"Con tutti i campioni che sono qua ho iniziato insieme, perchè più o meno abbiamo la stessa età, io non ho fatto tutti i campionati minicross e facevo più minimoto, però mi è capitato di fare delle gare. Ho anche fatto terzo nel campionato debuttanti, quindi li conosco da tempo...".

In questo periodo c'è la MotoGP, riesci lo stesso a praticare un pò di cross?
"Si, ma lo faccio sempre nello stesso modo, vado il sabato, nel week-end che non devo fare gare, quindi purtroppo vado solo due volte al mese. Non è sufficiente per avere un allenamento su una moto del genere".

Ti aiuta anche in MotoGP fare cross?
"Ma mi aiuta... ma... diciamo che lo faccio perchè ho passione, è comunque un allenamento, l'unico modo per stare in moto, va bene così, è un pò rischioso, non son contenti che lo faccia, ma finchè posso lo faccio".

Un’ultima domanda sulla Ducati, visto che hai fatto una bellissima qualifica in Qatar. Passo Gara?
"Eh no passo gara, non c'è ancora, ma è normale che sia così, è stata anormale la qualifica, la moto è molto simile a quella dell'anno scorso. Purtroppo ci vuole tempo per fare del materiale nuovo quindi ancora non è arrivato, sapevamo che era così, ma l'esordio è stato molto positivo perchè se ti confronti all'esordio dell'anno scorso, perchè all'esordio ho fatto molto bene, molto meglio in prova, ma anche in gara... meglio. Ma non è positivo per gli obbiettivi che abbiamo".

Cercherai di arrivare sul podio quest'anno?
"No, penso che il podio realmente non sia possibile, poi in condizioni particolari può anche essere, il bello delle gare è che tutto può succedere se ci credi e ci provi. Tutto può succedere, ma in condizioni normali non abbiamo la velocità per farlo!".

Autore: Marco Segnana

Tag: Interviste , motogp , personaggi , interviste , piloti , personaggi famosi


Top