Special e Elaborazioni

pubblicato il 27 marzo 2013

M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif

La “Fastest M1NSK”, piccola moto, grande piacere per la vista...

M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 1
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 2
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 3
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 4
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 5
  • M1NSK MMVZ Custom by Yuri Shif - anteprima 6

Chi dice che le moto russe non siano belle? O meglio, chi dice che da una moto russa... di base poco attraente, non si possa ricavare qualcosa che lasci a bocca aperta? E’ il caso della moto che vi presentiamo in questo servizio, due ruote realizzata dalla Casa M1NSK Motorcycles, meglio conosciuta come M1NSK-Moto. Inutile dire che l’azienda si trova proprio a Minsk, la città più importante della Bielorussia. D’obbligo un breve cenno alla storia: la M1NSK-Moto fu fondata verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1945. Si iniziò con il produrre biciclette e la prima moto fu realizzata circa sei anni dopo. Da oltre 60 anni, l’azienda resiste alla crisi (pensiamo allo smembramento dell’allora Unione Sovietica) e produce moto di piccola cilindrata, scooter (anche elettrici), motoslitte e quad.

Ma veniamo al dunque. Il customizzatore di questa piccola ma stupenda moto si chiama Yuri Shif, è bielorusso e nel 2010 si è portato a casa due coppe aggiudicate all’AMD World Championship of Custombike Building. Fatte le dovute premesse, passiamo alla moto, commissionata da un cliente bielorusso. La base è una M1NSK MMVZ 3.227 del 1988, oggi una Cafè Racer... stupenda, che abbiamo scovato sulla rivista online Motorivista.com.

Il telaio è stato prelevato da una M1NSK R250 ed è stato modificato. Le ruote sono state prese da una Megelli Motard ed ospitano pneumatici da 110/80-17. Come potete vedere dalle immagini poi, ora la moto è dotata di due dischi freno, uno da 320 mm all’anteriore ed un altro più piccino al posteriore. Il motore è rimasto di serie, 125 cc, ma ora vanta un carburatore Mikuni TM38 ed un impianto di scarico realizzato a mano.

Le sovrastrutture, tutte fatte a mano, richiamano sì le forme delle Cafè Racer, ma soprattutto, per quanto riguarda il cupolino, quelle del famossissimo MIG-17! Al posto del bocchettone per l’ingresso dell’aria, vi è ovviamente un fanale tondo. Questo è stato volutamente lasciato in alluminio grezzo, e subito dietro troviamo ovviamente un serbatoio (sempre realizzato a mano) bicolore. Proseguendo verso il posteriore, il codone, rigorosamente monoposto, ingloba una piccola luce posteriore, sempre di forma tondeggiante. Il colore scelto è il blu pastello, per telaio, sospensioni (steli della forcella e molla del monoammortizzatore) e forcellone (dotato di capriata di rinforzo nella parte superiore). Non mancano particolari come pedane in ergal, leve freno e frizione ricavate dal pieno, manopole in metallo... tutto realizzato con una cura maniacale. Questa piccola moto... è un piacere da guardare!

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Special e Elaborazioni , monocilindriche , tuning , varie , vintage


Top