Sport

pubblicato il 25 marzo 2013

Trofeo Di.Di. Diversamente Disabili: prima gara a Binetto

Si è corsa ieri la prima gara interamente riservata a piloti artolesi. Testimonial d’eccezione Marco Lucchinelli

Trofeo Di.Di. Diversamente Disabili: prima gara a Binetto

Già alcuni mesi addietro vi parlammo dell’Associazione Di.Di., fondata da Emiliano Malagoli e Matteo Baraldi, due appassionati motociclisti divenuti disabili a seguito di gravi incidenti in moto.
Dopo il nostro articolo abbiamo avuto la possibilità di conoscere da vicino i due piloti durante la scorsa edizione di Motodays, toccando con mano la passione che li anima e che li ha spinti a diventare non solo titolari di un’associazione che intende aiutare i disabili a tornare in moto, ma anche promotori di un trofeo di velocità in pista esclusivamente dedicato a piloti artolesi.

PRIMO WEEKEND A BINETTO
Il primo appuntamento del Trofeo Di.Di. Diversamente Disabili si è tenuto sul tracciato pugliese di Binetto e l’evento ha avuto un richiamo tale che il campione del mondo Marco Lucchinelli ha raggiunto l’autodromo del Levante per prendere parte al giro di ricognizione e fare da testimonial alla gara, anzi alle gare, visto che due sono state le manche del Trofeo.

In griglia di partenza c’erano commercianti, impiegati, meccanici e persino un dentista: tutte persone che fino a poco tempo fa non avrebbero mai nemmeno immaginato di schierarsi al via di una gara di velocità in pista, oltretutto in sella a moto da 600 e 1000 cc, quindi anche impegnative da portare al limite.
Due le manche, una il sabato e la seconda alla domenica, in stile superbike. Entrambe le prove sono state dominate da Francesco Mele: nato a Taranto 48 anni fa, che ha dovuto modificare il cambio e una pedana della sua Suzuki GSX-R 1000 dopo l’incidente che, dieci anni fa lo ha privato della mobilità della gamba sinistra. I restanti gradini del podio se li sono contesi Fabio Segato e il presidente dell’Associazione Di.Di., Emiliano Malagoli, che hanno chiuso nell’ordine al sabato mentre in gara due Malagoli ha prevalso su Segato. Nato a Pordenone, Segato ha 36 anni e da venti convive con una grave lesione del nervo sciatico, che lo priva della sensibilità ad un piede. Il toscano Malagoli, 37 anni, ha invece parzialmente perso la gamba destra nel luglio del 2011. Il prossimo appuntamento con il Team Di.Di. sarà già il 21 aprile sul circuito di Misano Adriatico con la prima gara stagionale del Trofeo Bridgestone, nel quale i piloti artolesi correranno contro i normodotati, con classifiche separate.

LE CLASSIFICHE DI BINETTO
Gara 1:
1 – Francesco Mele, Suzuki, in 13’21’’893
2 – Fabio Segato, Kawasaki, a 1’02’’651
3 – Emiliano Malagoli, Suzuki, a 1’24’342
4 – Luca Ray, MV Agusta
5 – Enrico Mariani, Yamaha
6 – Simon Fowler, Suzuki
7 – Matteo Baraldi, Honda

Gara 2
1) Francesco Mele, BMW, in 13’51’’513
2) Emiliano Malagoli, Suzuki a 16’162
3) Fabio Segato, Kawasaki, a 22’341
4) Luca Ray, MV Agusta
5) Enrico Mariani, Yamaha
6) Simon Fowler, Suzuki
7) Matteo Baraldi, Honda

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , 600 , curiosità , gare , incidenti


Top