Special e Elaborazioni

pubblicato il 18 marzo 2013

Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs

Dirt Track... o Cafè Racer?

Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs - anteprima 1
  • Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs - anteprima 2
  • Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs - anteprima 3
  • Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs - anteprima 4
  • Kawasaki Z750B by Street Tuff Customs - anteprima 5

Di special sotto i nostri occhi ne passano diverse, ma oggi abbiamo scelto quella che potete ammirare nelle immagini. Si tratta di una moto realizzata su base Kawasaki Z750B che hanno scovato i ragazzi di Pipeburn.com. Il tuner si chiama Graham Braid, ed è il proprietario della Street Tuff Customs. Volete sapere quanto tempo è stato dedicato a questa bellezza? "Appena" tre anni!

Il telaio è stato mantenuto, mentre il forcellone è di provenienza Kawasaki ZZR che "lavora" insieme a due monoammortizzatori dotati di piggy-back degli anni ‘80 by Marzocchi. Continuando con il reparto sospensioni, all’anteriore troviamo una forcella upside-down di provenienza Aprilia RSV, e da questa, sono stati prelevati i due cerchi OZ che montano pneumatici Dunlop Mutant all’anteriore e Dunlop D616 al posteriore.

Il motore è stato completamente rifatto e con l’occasione ha guadagnato una verniciatura nera che lo ha reso ancora più aggressivo. I carburatori provengono da una Mini e "respirano" grazie ad un filtro aria ovale della K&N. Gli scarichi sono due (uno per lato) in acciaio ed i terminali sono due SuperTrapp "tagliati", ai quali sono stati dedicati un trattamento di "spazzolatura".

Ma dopo la tecnica, vediamo a livello estetico cosa è cambiato. La risposta la sapete già: tutto! Il lavoro più grosso è stato fatto sul serbatoio della benzina, che ora vanta finiture in metallo ed un tappo stile aeronautico. Per il codone si sono ispirati alle Norton da gara, il metallo è dunque stato adattato e poi piegato. All’interno, è stata stipata la batteria ed altri componenti elettrici. Il manubrio è in puro stile custom e sotto questo troviamo una luce anteriore tonda estremamente compatta. In tema di luci, al posteriore è stato installato una luce a led. Completa l’idea "dirt track" il paramotore in stile enduro.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Special e Elaborazioni , bicilindriche , tuning


Top