Sport

pubblicato il 11 marzo 2013

MX 2013, Thailandia: Tony Cairoli "massacra" tutti!

Il siciliano ora è in testa! In MX2 vince ancora Herlings

MX 2013, Thailandia: Tony Cairoli "massacra" tutti!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 1
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 2
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 3
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 4
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 5
  • MX 2013 - Thailandia Rd.2 - anteprima 6

Dopo aver lasciato la "tabella rossa" a Clement Desalle in Qatar, Tony Cairoli è tornato a ricordare a tutti chi è il vero mattatore del Mondiale Cross classe MX1 lo scorso fine settimana. Il pilota italiano della KTM ha lasciato tutti a bocca asciutta in Thailandia, chiudendo il week-end a bottino pieno con la vittoria di gara 1 e della Superfinale, ovvero la gara che mette a confronto i piloti migliori della classe regina e della MX2. Dopo aver messo a segno la pole position, il "Tonino Nazionale" si è subito portato al comando nella all'apertura del cancelletto di partenza di gara 1, anche se nello spazio di pochi metri ha ceduto la leadership alla Honda del russo Evgeny Bobryshev, che nei primi giri ha provato a fare il vuoto alle sue spalle.

Il regno del pilota dell'Est però è durato solo poche tornate: una scivolata lo ha portato a subire il sorpasso di Ken De Dyker e di Tony Cairoli, che nel frattempo era stato sopravanzato del compagno di squadra. Il peggio però per Bobryshev doveva ancora arrivare, visto che all'ultimo giro è stato costretto ad alzare bandiera bianca. Una volta preso il comando, De Dycker ha provato in tutti i modi a scrollarsi di dosso Cairoli, ma è stato chiaro fin da subito che sarebbe stata un'impresa praticamente impossibile. Il pilota di Patti ha infatti atteso il momento propizio per sferrare l'attacco vincente e poi si è involato solitario verso la vittoria, staccando di oltre 10" la moto gemella. Sul gradino più basso del podio di gara 1 è salito invece l'ex leader del campionato Desalle, la cui Suzuki non è parsa particolarmente a suo agio sul tracciato di Si Racha. La top five si completa poi con le due Kawasaki di Gautier Paulin e Tommy Searle, seguite da vicino dalla Honda di David Philippaerts.

Se nella prima gara Cairoli ha preferito attendere prima di passare all'attacco, nella Superfinale non ci ha pensato troppo a rompere gli indugi e si è portato immediatamente al comando delle operazioni, impostando un ritmo insostenibile per tutti i suoi inseguitori. Alla fine infatti Tony ha tagliato il traguardo con un vantaggio di oltre 17" nei confronti della Kawasaki di Paulin, con quest'ultimo che invece si è dovuto guardare le spalle fino alla fine dalla Suzuki di Desalle. E il risultato di questa gara ridisegna la classifica iridata facendo sorridere Cairoli, che ora comanda a quota 95 punti, 8 in più rispetto a Desalle. Tornando alla Superfinale, bisogna sicuramente sottolineare l'ottimo quarto posto di Jeffrey Herlings con la KTM di classe MX2, davanti alla Kawasaki di Searle. Solo decimo De Dycker, che si era reso protagonista di una partenza sciagurata, così come Bobryshev. Il russo della Honda però ha messo in scena una rimonta spettacolare, vanificata nuovamente da una caduta arrivata a poche curve dal termine.

MONDIALE CROSS MX1, Si Racha, 10/03/2013
Classifica gara 1 Gp di Thailandia (primi dieci)

1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 39'04"412
2. Ken de Dycker (BEL, KTM), +10"685
3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +17"533
4. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +25"044
5. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), +31"640
6. David Philippaerts (ITA, Honda), +34"070
7. Kevin Strijbos (BEL, Suzuki), +36"997
8. Rui Goncalves (POR, KTM), +55"535
9. Steven Frossard (FRA, Yamaha), +58"921
10. Joel Roelants (BEL, Yamaha), +1'01"405

MONDIALE CROSS, Si Racha, 10/03/2013
Classifica Superfinale Gp di Thailandia (primi dieci)

1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 40'29"807
2. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +17"338
3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +19"927
4. Jeffrey Herlings (NED, KTM), +32"228
5. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), +39"004
6. Rui Goncalves (POR, KTM), +48"891
7. Xavier Boog (FRA, KTM), +51"171
8. Joel Roelants (BEL, Yamaha), +59"330
9. Steven Frossard (FRA, Yamaha), +1'05"281
10. Ken de Dycker (BEL, KTM), +1'12"554

La classifica del campionato piloti (primi dieci): 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 95 punti; 2. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 87 p.; 3. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 78 p.; 4. Ken de Dycker (BEL, KTM), 70 p.; 5. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 64 p.; 6. Kevin Strijbos (BEL, Suzuki), 55 p.; 7. Rui Goncalves (POR, KTM), 52 p.; 8. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), 47 p.; 9. Steven Frossard (FRA, Yamaha), 47 p.; 10. Xavier Boog (FRA, KTM), 41 p.

La classifica del campionato costruttori: 1. KTM, 97 punti; 2. Suzuki, 87 p.; 3. Kawasaki, 78 p.; 4. Honda, 59 p.; 5. Yamaha, 48 p.; 6. TM, 26 p.

CLASSE MX2
Nella MX2 si è assistito all'ennesimo monologo di Jeffrey Herlings, che per quanto fatto vedere nelle prime due gare sembra veramente poter solamente perdere il Mondiale da quanto appare scontata la sua vittoria finale al momento. Il pilota olandese ha confermato ancora una volta il suo strapotere nella prima manche, nella quale ha viaggiato su un ritmo che gli avrebbe consentito forse di piazzarsi secondo anche nella MX1. Basta pensare che il giro più veloce del portacolori della KTM è stato di 1'49"427 contro l'1'49"368 di Cairoli. Un dato davvero incredibile, al quale bisogna aggiungere i 40" di distacco sull'altra KTM di Romain Febvre e gli oltre 46" sulla Suzuki di Max Anstie. Si può considerare positivo, infine, il week-end di Alessandro Lupino: il pilota italiano ha portato la sua Kawasaki a conquistare l'ottava posizione in gara 1, ma ha fatto molto bene nella Superfinale, chiudendo al 17esimo posto assoluto, quarto tra i protagonisti della classe MX2.

MONDIALE CROSS MX2, Si Racha, 10/03/2013
Classifica gara 1 Gp di Thailandia (primi dieci)

1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 38'59"025
2. Romain Febvre (FRA, KTM), +40"448
3. Max Anstie (GBR, Suzuki), +46"613
4. Jose Butron (ESP, KTM), +52"882
5. Dean Ferris (AUS, Yamaha), +56"827
6. Jordi Tixier (FRA, KTM), +1'01"620
7. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), +1'08"162
8. Alessandro Lupino (ITA, Kawasaki), +1'13"475
9. Christophe Charlier (FRA, Yamaha), +1'26"379
10. Petar Petrov (BUL, Yamaha), +1'29"833

La classifica del campionato piloti (primi dieci): 1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 100 punti; 2. Romain Febvre (FRA, KTM), 82 p.; 3. Dean Ferris (AUS, Yamaha), 69 p.; 4. Christophe Charlier (FRA, Yamaha), 65 p.; 5. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), 63 p.; 6. Jose Butron (ESP, KTM), 60 p.; 7. Jordi Tixier (FRA, KTM), 57 p.; 8. Alessandro Lupino (ITA, Kawasaki), 56 p.; 9. Julien Lieber (BEL, Suzuki), 47 p.; 10. Max Anstie (GBR, Suzuki), 37 p.

La classifica del campionato costruttori: 1. KTM, 100 punti; 2. Yamaha, 78 p.; 3. Suzuki, 59 p.; 4. Kawasaki, 56 p.; 5. Honda, 29 p.; 6. TM, 3 p.

2013 MXGP THAILAND Si Racha - NEWS

2013 MXGP THAILAND Si Racha - NEWS

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , pista , cross , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , MX 2013


Top