Attualità e Mercato

pubblicato il 28 febbraio 2013

L'Ing. Filippo Preziosi lascia Ducati

Motivi di salute dietro questa scelta

L'Ing. Filippo Preziosi lascia Ducati

La notizia è arrivata in redazione pochi minuti fa e suona come una doccia fredda. L’ing. Filippo Preziosi, l’uomo che ha progettato la Ducati Desmosedici Campione del Mondo lascerà presto la Casa bolognese per via di problemi di salute.

Che Filippo Preziosi avesse dei problemi fisici è sempre stato sotto gli occhi di tutti, ma pensare che addirittura il geniale ingegnere umbro sia costretto a lasciare il lavoro per via della sua invalidità è davvero triste.
Come ormai è noto, dopo essere stato rimosso dalla carica di Direttore Generale di Ducati Corse, Preziosi avrebbe dovuto ricoprire quella di Direttore R&D Ducati Motor Holding, quindi si sarebbe dedicato all’altrettanto affascinante ruolo di chi deve sviluppare nuovi prodotti e nuove tecnologie.

L’azienda comunica che: "Nel rispetto della volontà dell’Ing. Preziosi, pur con il rammarico di perdere una figura strategica e di grande competenza, Ducati ha preso atto della decisione e ha accettato le dimissioni, confermando stima e riconoscenza al quarantacinquenne tecnico italiano, ringraziandolo per il significativo e professionale supporto che ha offerto nei diciannove anni trascorsi in azienda, di cui dodici in Ducati Corse".

Preziosi e avrebbe ricoperto la nuova carica di Direttore Ricerca & Sviluppo Ducati Motor Holding non appena concluso il periodo di riposo che aveva richiesto, ma ha invece preferito lasciare l’azienda. In seguito alle dimissioni dell’Ing. Preziosi questo ruolo resta vacante ma l’azienda conferma l’importanza strategica di questa carica e, appena possibile, comunicherà la nuova assegnazione.
A Filippo un in bocca al lupo per il futuro da OmniMoto.it, che vuole ricordare il suo lavoro in Ducati con questo video sulla genesi della Desmosedici GP12.

Filippo Preziosi racconta la genesi della Ducati Desmosedici GP 12

Filippo Preziosi racconta la genesi della Ducati Desmosedici GP 12

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , 1000 , motogp , tecnica , editoriale


Top