Sport

pubblicato il 20 febbraio 2013

MotoGP altri indizi sul ritorno della Suzuki

La casa di Hamamatsu era presente a un incontro tra le Case e la Magneti Marelli

MotoGP altri indizi sul ritorno della Suzuki

Le voci di un possibile ritorno della Suzuki in MotoGP dal 2014 si fanno sempre più concrete. La scorsa settimana, infatti, alcuni ingegneri di Honda, Ducati e Yamaha hanno fatto visita alla Magneti Marelli per cominciare a prendere confidenza con la centralina che dall'anno prossimo sarà montata su tutte le moto della classe regina.
Sebbene i tre costruttori abbiano deciso di utilizzare solo l'hardware realizzato dall'azienda italiana, pagando dazio con una limitazione ad utilizzare 4 litri di carburante in meno rispetto alle squadre private, che invece useranno anche il software standard, chiaramente hanno bisogno di prendere confidenza con le specifiche tecniche della centralina, in modo da poterla adattare al meglio alle proprie moto.

La notizia è che, oltre ai tecnici delle case già citate, era presente anche una piccola delegazione di quella di Hamamatsu e questo va interpretato come un altro importante segnale della volontà di tornare a calcare la scena della MotoGp. Non è chiaro però se al momento la sua posizione riguardo alla centralina sia più vicina a quella dei team factory o dei team privati, ma è facile ipotizzare alla prima.
Quello che bisogna capire poi è se riuscirà però a trovare un accordo con una squadra già esistente, visto che la Dorna non ha intenzione di rilasciare nuove possibilità di iscrizione per il 2014. Va detto però che il Team Aspar ha già confermato il suo potenziale interesse ad avviare una partnership.

Autore: Redazione

Tag: Sport , 1000 , motogp , gare , crt


Top