Special e Elaborazioni

pubblicato il 23 gennaio 2013

Vilner Custom Aprilia Stingray

Il preparatore Bulgaro lancia la sua interpretazione della Tuono 1000

Vilner Custom Aprilia Stingray
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 1
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 2
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 3
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 4
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 5
  • Aprilia Stingray Vilner Custom  - anteprima 6

Il tuner bulgaro Vilner sembra seriamente intenzionato a stupire il mondo delle preparazioni, con delle realizzazioni decisamente sopra le righe. Nel corso dei mesi passati le sue realizzazioni hanno spaziato in lungo e in largo nel mondo delle moto naked, partendo da una BMW F 800 R che è diventata la Predator, passando per un kit tutto sommato accettabile a livello estetico per la Monster 1100 Evo, per finire alla Bulldog, moto realizzata sulla base della Triumph Speed Triple.

STINGRAY, IL LATO OSCURO DELLA TUONO
Il preparatore di Sofia si è lanciato ora in un’altra realizzazione particolarmente estrema e stavolta ha scelto una Aprilia Tuono 1000 per approntare la Stingray. La preparazione prevede l’aggiunta di 13 particolari alla moto originale, numero scelto non a caso perchè a quanto pare è un portafortuna per Vilner.
Come si può vedere dalle foto, non è facile riconoscere a prima vista la moto originale sotto gli orpelli creati da Vilner con l’intento di dare alla moto un look futuristico.

Per la Stingray sono stati costruiti nuove sovrastrutture tra cui, il parafango anteriore, i convogliatori laterali, tre cover per il serbatoio e il cupolino. Le plastiche laterali sotto al serbatoio sono state rivestite in pelle bicolore che riprende le tinte usate per la sella e con la stessa tecnica sono stati aggiunti due elementi laterali sul codone che prolungano idealmente le forme del sellino del passeggero.
Le altre modifiche estetiche riguardano la parziale verniciatura nera del telaio e il fatto che i terminali di scarico sono ora completamente neri.

L’unica elaborazione strutturale che Vilner ha fatto per la sua Stingray è l’allungamento del forcellone posteriore, di circa 15 centimetri, per la quale si è affidato ad un’azienda esterna, la Galaxy Custom. Il preparatore bulgaro dichiara anche un incremento di potenza del 10%.
Lasciamo a voi i commenti all’estetica "bulgara" della Stingray, visto che forse preferiremmo commentare le forme di Karolina Bratanova, la fotomodella ritratta insieme alla moto.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni , bicilindriche , 1000 , naked , tuning , special , curiosità


Top