Sport

pubblicato il 8 gennaio 2013

Dakar 2013, 4° Tappa a Barreda Bort!

Olivier Pain è in testa al Rally!

Dakar 2013, 4° Tappa a Barreda Bort!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 1
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 2
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 3
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 4
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 5
  • Dakar 2013: Stage 4 - Nazca-Arequipa - anteprima 6

Si è conclusa poco fa la quarta tappa della Dakar 2013, uno stage di quasi 720 Km suddiviso in due parti, 429 Km di speciale e 289 Km di collegamento. La giornata di oggi è la tappa più lunga dall’inizio della gara. L’anno scorso, quella che oggi è la Nazca-Arequipa fu percorsa nel senso inverso. Tanto deserto quest’oggi in direzione della Pampa Blanca. Partiti da un’altezza di 600 metri circa, i piloti sono saliti di ulteriori 1.000 metri nella sabbia, per poi fare un "tuffo", qualcosa come 1.000 metri in appena 13 km! Un po’ di terreno duro, per tornare nuovamente sulle dune e abbandonarle al 96° Km, dove si è passati tra le montagne (2.200 metri sul livello del mare il picco massimo raggiunto N.d.R.) ed effettuare il primo rifornimento al 173° Km. Circa 80 Km e poi nuovamente su, a toccare il cielo mentre si attraversano le dune con una salita di 1.200 metri concentrati in appena cinque chilometri, zona dove i piloti hanno sudato, spinto e sottoposto motori e frizioni ad uno stress incredibile! Tutto per poi "riprendere" fiato lungo la discesa verso il blu infinito dell’Oceano, location del finale.

Il primo a partire e dunque con l’arduo compito di aprire la strada è stato il vincitore della prima e della terza tappa (quella di ieri), Francesco "Chaleco" Lopez che sembra più che a suo agio sulla KTM del Team Tamarugal XC (450 Rally Replica). Dietro di lui, rispettivamente Paulo Goncalves, Cyril Despres ed il nostro Alessandro Botturi. Dopo quasi 34 minuti al WP1 è stato il pilota dell’Husqvarna Barreda Bort (vincitore della tappa numero due N.d.R.) a transitare per primo, seguito da Javer Pizzolito e da David Casteu. Situazione quasi simile al WP2 con però il francese della Yamaha Olivier Pain terzo, mentre al WP3, Joan Barreda Bort ha iniziato ad ingranare una marcia in più dando quasi 5 minuti a Juan Farres Guell, mentre Jordi Villadoms si è fatto sotto, guadagnando qualche posizione e passando quinto. Al WP4 il miglior pilota Husqvarna by Speedbrain ha confermato la sua posizione, distaccando quasi di un ulteriore minuto Farres Guell. Terzo, il francese Olivier Pain, mentre Cyril Despres ha iniziato ad attaccare, passando dalla 20esima posizione alla 11esima. In difficoltà Botturi, solo 25esimo.

Il tempo di un rapido rifornimento dove i piloti hanno rifiatato, e la speciale ha ripreso verso le ore 15:00 italiane. Al WP6 il miglior crono è stato di Cyril Despres, a conferma che il francese stava solo studiando la situazione prima di attaccare. In testa però, ancora Barreda Bort, seguito da Farres Guell e Oliver Pain, con Despres 13esimo. In recupero Botturi, nono! Stessa situazione al WP7 (circa 15 i minuti impiegati), con Botturi 10° e Despres "scivolato" in 14esima posizione. Al WP8 si è finalmente fatto vedere Helder Rodrigues con il miglior crono, ma primo era ancora il pilota spagnolo dell’Husqvarna, seguito sempre dagli stessi piloti che però si sono invertiti la posizione: Pain secondo e Farres Guell terzo.

All’arrivo, e dunque vincitore della tappa di oggi... ovviamente Juan Barreda Bort, che ha praticamente dominato tutta la speciale con la sua Husqvarna, chiudendo con un tempo di 3 ore 41 minuti e 9 secondi. Dietro di lui, il francese Olivier Pain che ottiene un’ottima seconda posizione (uno dei migliori successi negli ultimi anni per lui), mentre terzo ha chiuso l’altro francese, David Casteu. Quarto lo spagnolo Gerard Farres Guell, mentre in quinta posizione ha terminato Helder Rodrigues, seguito da Ruben Faria, sesto. Dodicesimo il nostro Alessandro Botturi, mentre Cyril Despres ha chiuso in 15esima posizione. Addirittura 19esimo Francisco "Chaleco" Lopez.

La situazione vede Olivier Pain in testa al rally, un risultato per lui incredibile, seguito dal connazionale francese David Casteu, mentre Cyril Despres passa in terza posizione, con poco più di 3 minuti di ritardo. Quarto è il vincitore di oggi, Barreda Bort, seguito da Jordi Viladoms e Ruben Faria. Francisco Lopez è ottavo, davanti al nostro Alessandro Botturi, il migliore degli italiani in gara anche quest’anno. Preoccupa Helder Rodrigues, 16esimo nella generale dietro a Pizzolito. Per ora le Honda ufficiali stentano a decollare.

Domani avremo la quinta tappa, da Arequipa a Arica, 410 Km formati da una speciale di 274 Km ed un collegamento di 136 Km. Da una altezza di circa 2.000 metri ad una discesa di 200 metri per la speciale, formata maggiormente da un terreno roccioso. Qui gli enduristi saranno i favoriti, vedremo cosa succederà!

DAKAR 2013, Quarta tappa, 08/01/2013
Classifica generale moto (primi dieci)
1. Pain - Yamaha - 10.10'38"
2. Casteu - Yamaha - +2'24"
3. Despres - KTM - +3'09"
4. Barreda Bort - Husqvarna - +5'38"
5. Viladoms - Husqvarna - +7'22"
6. Faria - KTM - +8'39"
7. Israel Esquerre - Honda - +9'05"
8. Lopez - KTM - +10'01"
9. Botturi - Husqvarna - +11'44"
10. Przygonski - KTM - +14'20"

Dakar 2013 - Stage 4 - Car/ Bike - Stage Summary (Nazca Arequipa)

Dakar 2013 - Stage 4 - Car/ Bike - Stage Summary (Nazca Arequipa)

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , monocilindriche , enduro , varie , personaggi , gare , fuoristrada , dakar , piloti , personaggi famosi , rally , dakar 2013


Top