Attualità e Mercato

pubblicato il 13 dicembre 2012

Strisce pedonali scivolose a Milano: lettera aperta al Sindaco

Motocivismo e CIM scrivono al Sindaco per sollevare la questione

Strisce pedonali scivolose a Milano: lettera aperta al Sindaco

Il Comitato Motocivismo e il Coordinamento Italiano Motociclisti, associazioni impegnate nella tutela dei diritti dei motociclisti hanno inviato in questi giorni una lettera congiunta al Sindaco ed ai componenti del Consiglio Comunale di Milano sul tema della segnaletica orizzontale e dei pericoli che questa rappresenta ancora per gli utenti delle due ruote.

Nel mirino sono le ben note strisce pedonali verniciate, che diventano scivolosissime d’inverno e con la pioggia e costituiscono un pericolo enorme per i motociclisti.
Riportiamo l’accorata lettera, con la speranza che questa annosa questione prima o poi venga presa in considerazione dalle amministrazioni comunali, non solo milanesi, visto che il problema è sentito in tutta Italia.

Con la presente, il Coordinamento Italiano Motociclisti ed il Comitato MotoCivismo sono, ancora una volta, a segnalare il grave pericolo rappresentato dalle verniciature del manto stradale per quanto riguarda la sicurezza degli utenti delle due ruote a motore.
Avevamo già segnalato alla precedente giunta, nel corso di colloqui personali coll’allora Assessore Simini, la pericolosità in caso di pioggia della segnaletica orizzontale applicata nei pressi di alcuni istituti scolastici. Ci era stato risposto che i lavori erano stati effettuati a norma di legge. Di recente ci è stato riferito della pericolosità, soprattutto per i motociclisti, di alcuni passaggi pedonali, soprattutto in zona Bovisa e San Siro, per i medesimi motivi (mancanza di attrito), ma anche in condizioni di strada asciutta.
Vogliamo anche fare presente che questo influisce negativamente sugli spazi di arresto delle autovetture, creando una situazione di particolare rischio considerando che sono zone di attraversamento pedonale.
Teniamo a segnalarVi che, in un documento pubblicato dal Centro Sperimentale ANAS, intitolato "Segnaletica Orizzontale: Normativa, Materiali, Caratteristiche Tecniche e Metodologie di Controllo", alle pagine 36 e 37, dopo aver presentato la metodologia sperimentale ed i valori minimi da ottenere nel corso delle prove su strada, si legge:
"Sarebbe auspicabile una valutazione preventiva della scivolosità della superficie viabile prima dell’esecuzione del lavoro e successivamente valutare l’opportunità, in caso si rilevino valori di aderenza vicini ai valori minimi stabiliti per i segnali orizzontali e non vi sia l’opportunità di rifacimento immediato del manto stradale, di stendere un prodotto verniciante la cui miscela sia stata corretta coll’aggiunta di granuli antiskid che consentano di raggiungere valori di SRT [unità di misura del derapaggio, NdA] ammissibili rispetto alle condizioni al contorno. E’ opportuno in tali casi, che di norma hanno carattere puntuale, la percentuale di tolleranza prescritta dal Capitolato ANAS per la resistenza al derapaggio: il valore dello SRT misurato sul segnale stradale non deve essere inferiore allo 80% di quello rilevato sulla
pavimentazione limitrofa."


In sintesi i tecnici del Centro Sperimentale sono ben a conoscenza di quanto le condizioni dell’asfalto possano influenzare la tenuta di strada sulla segnaletica orizzontale e sono anche ben al corrente che non sempre si può intervenire sull’asfaltatura in tempi rapidi. Quindi propongono una soluzione facilmente applicabile e che consente di rispettare le norme vigenti in materia (in questo caso la norma EN 1436/04) con un esborso aggiuntivo tutto sommato modesto, sicuramente di gran lunga inferiore a quello di una nuova asfaltatura.
Ci viene assicurato che i test per garantire la necessaria aderenza sono stati condotti nel rispetto delle norme vigenti, che è stato aggiunto il composto antiskid accennato sopra, ma i fatti dicono che c’è qualcosa che non va. Certo, alcune cadute possono essere imputate a fattori esterni ed estranei alla pavimentazione ed alla segnaletica orizzontale, ma una quantità di incidenti tale da provocare persino l’interesse di un quotidiano a grande tiratura come La Repubblica è il sintomo che il problema esiste.
Restando in attesa di un Vostro cortese cenno di riscontro, porgiamo i nostri più cordiali saluti:
Coordinamento Italiano Motociclisti - Comitato MotoCivismo.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , strada , 1000 , 600 , curiosità , automatiche , sicurezza , incidenti , assicurazione , maxi scooter , citta , 800 , 1200 , 1400


Top