Sport

pubblicato il 14 novembre 2012

MotoGp, Test Valencia, Day 2: buon esordio per Marquez

Il miglior tempo lo fa Pedrosa, ma il rookie è subito ad 1"

MotoGp, Test Valencia, Day 2: buon esordio per Marquez

La seconda giornata dei test collettivi della MotoGp a Valencia ha concesso a team e piloti di lavorare almeno un paio d'ore con la pista finalmente asciutta e con le gomme slick. La mattinata era cominciata con il sole, ma nell'arco di circa un'ora la pioggia è tornata sul circuito intitolato a Ricardo Tormo, quindi fino alle 15 in pista si erano viste praticamente solo cinque moto.

Poi però la pista si è piano piano asciugata ed anche i più reticenti a scendere in pista hanno acceso i motori ed hanno iniziato a lavorare. La pista chiaramente non era ancora in condizioni ottimali, ma almeno ha permesso di effettuare diversi run quasi a tutti prima che calasse la bandiera a scacchi.

Ad ottenere la miglior prestazione è stato Dani Pedrosa, che ha completato 30 giri con la sua Honda RC213V, il migliore dei quali in 1'32"322: il distacco dalla pole position fatto segnare da lui stesso sabato scorso è quindi di circa 1"5.

Il pilota più atteso della giornata però era senza dubbio il suo compagno di squadra, ovvero Marc Marquez. Dopo un giorno e mezzo di attesa, il campione del mondo della Moto2 ha fatto il suo esordio in MotoGp intorno alle 15:30 e comunque ha impressionato per la rapidità con cui ha trovato un buon feeling con la sua nuova moto.

In appena 28 tornate, "El Cabronsito" è riuscito a girare in 1'33"403, chiudendo quindi ad un secondo dal più esperto compagno di squadra e nella scia di un altro pilota molto atteso come Andrea Dovizioso. Davvero niente male, specialmente se si pensa che le condizioni della pista non erano sicuramente ottimali.

Parlando del neo ducatista, Andrea ha avuto modo di provare la Desmosedici con le gomme slick, fermando il cronometro su un tempo di 1'33"238. Un crono discreto in riferimento all'1'32"877 che aveva fatto segnare Valentino Rossi nelle qualifiche di sabato, quando la pista era sicuramente in condizioni migliori.

Sull'altra Desmosedici ufficiale, infatti, Nicky Hayden non è riuscito a ripetere il suo 1'32"503, fermandosi ad un 1'32"952 che gli è valso il quarto tempo. Dunque, facendo le proporzioni del caso, si potrebbe quasi dire che "Dovi" è stato subito almeno all'altezza del "Dottore".

Davanti all'americano si sono infilati invece su piloti confermati come Cal Crutchlow, primo dei piloti Yamaha complice anche l'assenza delle due M1 ufficiali, e Stefan Bradl, quest'ultimo fresco del rinnovo con la Honda ed il team LCR fino alla stagione 2014 compresa. In mezzo alle due Ducati poi troviamo anche l'altra Honda di Alvaro Bautista, che non ha potuto replicare il miglior tempo di ieri.

Tantissimo lavoro per le due Ducati del Team Pramac: Michele Pirro ed Andrea Iannone hanno chiuso la giornata con oltre 50 giri all'attivo ed il rookie ha mostrato importanti segnali di crescita, riuscendo ad arrivare a girare ad appena un paio di decimi dal nuovo collaudatore della Casa di Borgo Panigale, che comunque vanta già un anno di esperienza nella classe regina, anche se in sella ad una CRT.

43 sono invece i giri completati dall'altro esordiente di giornata, ovvero Bradley Smith: il britannico della Yamaha Tech 3 è stato uno dei pochi ad aver girato anche in mattinata, poi ha chiuso con un crono di 1'34"538, quindi distanziato di 2"2 da Pedrosa. Un distacco sicuramente accettabile per un pilota al debutto. Davanti a lui si è infilata la prima delle CRT che, tanto per cambiare, è stata una delle ART-Aprilia del Team Aspar, quella di Randy De Puniet.

MOTOGP, Valencia, 14/11/2012
Seconda giornata di test collettivi
1. Dani Pedrosa - Honda - 1'32"322 - 30 giri
2. Cal Crutchlow - Yamaha - 1'32"671 - 28
3. Stefan Bradl - Honda - 1'32"813 - 25
4. Nicky Hayden - Ducati - 1'32"956 - 33
5. Alvaro Bautista - Honda - 1'33"109 - 26
6. Andrea Dovizioso - Ducati - 1'33"238 - 31
7. Marc Marquez - Honda - 1'33"403 - 28
8. Michele Pirro - Ducati - 1'33"625 - 51
9. Andrea Iannone - Ducati - 1'33"833 - 56
10. Randy De Puniet - ART-Aprilia - 1'34"081 - 30
11. Bradley Smith - Yamaha - 1'34"538 - 43
12. Karel Abraham - ART-Aprilia - 1'35"309 - 25
13. Danilo Petrucci - Suter-BMW - 1'35"403 - 26
14. Hector Barbera - BQR-Kawasaki - 1'39"248 - 26
15. Aleix Espargaro - ART-Aprilia - 1'43"517

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top