Attualità e Mercato

pubblicato il 6 novembre 2012

Suzuki USA: stop alle vendite auto

La filiale statunitense si concentrerà solo su moto, Atv e motori marini

Suzuki USA: stop alle vendite auto
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Suzuki USA stop alle vendite auto - anteprima 1

Il mercato globale dell’automotive continua a registrare cali nelle vendite che sembrano non arrestarsi e molte aziende sono state costrette a riorganizzare, anche drasticamente, le proprie filiali dislocate nei vari paesi del mondo.
E’ accaduto negli anni scorsi a molte Case motociclistiche, che in Europa hanno dismesso impianti produttivi e riorganizzato filiali e reti di vendita, mentre oggi arriva dagli Stati Uniti la notizia che sarà la Suzuki a dover correre ai ripari per salvaguardare il proprio business.

STOP ALLE AUTO IN AMERICA
E’ di ieri, infatti, il comunicato della American Suzuki Motor corporation che dichiara che a partire dal 5 novembre chiuderà la divisione vendite automobili negli Stati Uniti per "riallineare il business negli States per fronteggiare la crescita a lungo termine dei settori moto, ATV e motori marini".
Il comunicato, per cortesia, è stato inviato anche a tutti i clienti motociclistici, con l’intento di ribadire l’interesse di Suzuki ad essere presente sul mercato americano con tutta la gamma due ruote, ATV e marine, e di non abbandonare nessuna delle sponsorizzazioni e partecipazioni al Supercross, al motocross outdoor e alle corse su pista. E tutto ciò contrariamente a quanto riportato da alcune testate giornalistiche corse a dichiarare la morte di Suzuki Usa tout court... (potete leggere la lettera, riportata in questa pagina).

Insomma, in realtà invece, la Suzuki sembrerebbe essere la primissima azienda automotive al mondo, o almeno così è per la sua filiale americana, in cui il business moto è più florido di quello auto, al punto da sopravvivere laddove viene presa la decisione di smettere con la vendita delle quattro ruote.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , 1000 , 600 , editoriale , lavoro , 800


Top