Sport

pubblicato il 29 ottobre 2012

MotoGP 2012: Il secondo titolo di Jorge Lorenzo

I complimenti del presidente della Yamaha e della squadra

MotoGP 2012: Il secondo titolo di Jorge Lorenzo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 1
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 2
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 3
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 4
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 5
  • MotoGP: Jorge Lorenzo Campione del Mondo 2012  - anteprima 6

La giornata di ieri, 28 ottobre 2012, ha celebrato la conquista del secondo titolo mondiale della MotoGP per Jorge Lorenzo.
Al termine di una gara corsa con molta intelligenza, Lorenzo ha portato a casa il suo quarto titolo mondiale, dopo i due conquistati nel 2006 e 2007 con l’Aprilia in 250 GP e quello del 2010 in sella alla Yamaha YZR-M1 MotoGP.
La cronaca della gara è ormai nota a tutti, partito con troppa foga, il connazionale Pedrosa scivolava al secondo giro lasciando via libera a Jorge e Casey Stoner, che portava a casa la sesta vittoria consecutiva a Phillip Island. Una gara, quella di Lorenzo, corsa con un occhio nello "specchio retrovisore" a tenere a bada un sempre consistente Cal Crutchlow, e uno fisso sull’asfalto per non perdere la concentrazione. Fattore che, a dir la verità, non è mancato al maiorchino in nessun momento della stagione, caratterizzata da sei splendide vittorie, che gli sono servite a guadagnare terreno sui rivali e una serie di ben dieci piazzamenti sul secondo gradino del podio. Jorge nel 2012 non è mai sceso dal podio e non ha collezionato nessun passo falso, visto che l’unico "zero" stagionale gli è stato "regalato" da Alvaro Bautista che ad Assen lo ha steso alla prima curva per un eccesso di foga.

E così ecco arrivare tutti i complimenti per il meritatissimo Titolo Mondiale, in primis quello del presidente della Yamaha Motor Co., mr. Hiroyuki Yanagi: "Voglio esprimere le mie più sentite congratulazioni a Jorge Lorenzo per la conquista del Titolo Mondiale MotoGP 2012 al GP d'Australia con una gara di anticipo sul termine della stagione.
Vorrei anche cogliere l'occasione per esprimere la mia gratitudine a tutti i tifosi, gli sponsor e le altre persone coinvolte che hanno sostenuto Jorge e la squadra.
Questo titolo ha un valore che va al di là della grande conquista del secondo sigillo nella MotoGP per Jorge Lorenzo. Questa è stata la prima stagione con il nuovo regolamento delle 1000 cc e, in questo senso, è stata una nuova grande sfida per tutti i piloti e le squadre concorrenti. Credo che vincere il titolo in questo nuovo contesto regolamentare è stato possibile grazie alla forza combinata dei piloti, della moto e della gestione della squadra.
Lasciatemi dire che sono molto orgoglioso di avere un pilota come Jorge Lorenzo, che continua a migliorare e crescere costantemente con successo, in quanto membro della famiglia Yamaha. Non vedo l'ora di assistere ai suoi successi nella stagione 2013!"
.

Poi è stata la volta della squadra, e i primi complimenti arrivano dal Team Manager Wilco Zeelemberg: "La parte iniziale della gara di Phillip Island è stata molto eccitante: sapevamo che dovevamo battere Dani il quale, naturalmente, lo sapeva e così ha spinto davvero forte fin dall'inizio. Forse ha spinto un po’ troppo, ma onore a Dani che ci ha provato. Sapevamo che Jorge aveva un buon passo e penso che magari sulla distanza avrebbe comunque potuto batterlo. Dalla caduta di Pedrosa in poi, Jorge sapeva che doveva solo portare a casa il titolo. Ha avuto una grande stagione di vittorie e secondi posti e ora il titolo di campione del mondo!".

Poi è la volta di Massimo Meregalli, Team Director: "Jorge ha davvero concluso una stagione straordinaria per la Yamaha e anche oggi abbiamo visto la sua consistenza e concentrazione per arrivare al secondo gradino del podio. Dalla prima gara in Qatar la sua consistenza e concentrazione sono state quelle di un vero campione, quindi ci aspettavamo che raggiungesse il miglior risultato possibile. Voglio ringraziare tutti i componenti del Team, perché sono stati anch’essi responsabili di questo successo, lavorando duro come lui per garantirgli una moto competitiva per combattere con i suoi rivali in ogni round. E' stato un piacere vederlo guidare quest'anno, lui è un campione vero!"

Ci uniamo ai complimenti al neocampione del Mondo, il quale, siamo sicuri, sta già pensando ai suoi prossimi cinque titoli per raggiungere Valentino... Nel frattempo si è guadagnato il primato di unico spagnolo in grado di vincere due titoli nella Classe Regina.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , motogp , pista , gare , autodromi , piloti , personaggi famosi


Top