Sport

pubblicato il 28 agosto 2006

Ducati Desmosedici GP7

Al debutto la versione da 800 cc per il 2007

Ducati Desmosedici GP7
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 1
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 2
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 3
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 4
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 5
  • Ducati Desmosedici GP7 - anteprima 6

Non c'è un attimo di "tregua" nel box Ducati: smaltita la sbornia di felicità per la quinta vittoria in MotoGP - seconda stagionale - conquistata da Capirossi, gli uomini in rosso si sono messi subito al lavoro per il debutto "ufficiale" della Desmosedici GP7 sul circuito di Brno.

Equipaggiata con il motore da 800 cc. è nata dalla mente di Filippo Preziosi e dei suoi collaboratori poco più di un anno fa; è in seguito passata al vaglio del collaudatore Vittoriano Guareschi, che ha svolto il primo, fondamentale lavoro di "sgrossatura" del progetto sul circuito del Mugello (la prima uscita è avvenuta lo scorso 2 maggio).La moto che verrà schierata dal Ducati Marlboro Team per il Campionato MotoGP 2007 è stata provata per la prima volta da Loris Capirossi, che dopo aver eseguito una serie di prove di gomme in sella alla GP6 è salito in sella alla GP7 inanellando un totale di 28 giri, il migliore dei quali in 1' 59.6.

Nel box, ad osservare il lavoro di Loris, Vittoriano e Ito (anche loro in pista coi rispettivi Team a Brno), c'era anche Sete Gibernau. Grande assente dell'ultimo weekend di gara, lo spagnolo ha seguito il parere dei medici che lo hanno sconsigliato di salire in moto in questi giorni, ma ha voluto vedere coi suoi occhi il debutto della nuova moto. Se tutto procede come si spera, Sete tornerà in pista per il prossimo Gran Premio della Malesia (Sepang, 10 settembre). Filippo Preziosi (Direttore Tecnico di Ducati Corse)
"Oggi è stata un'altra giornata importante per tutti noi. E' naturalmente troppo presto per poter dare dei giudizi definitivi sulla GP7, perché oggi è stato solo il primo giorno in cui Loris l'ha usata e perché manca il confronto con gli avversari. Posso dire però di essere soddisfatto: sembra che questa moto sia nata bene.
Abbiamo impostato il progetto per cercare di risolvere alcuni punti deboli della GP6, che si manifestavano più che altro a livello di telaio: crediamo di averli individuati e di essere riusciti a risolverli. Infatti i commenti di Loris, sul fatto che la moto sia molto reattiva ed abbia una buona guidabilità, ci confortano. E' un buon inizio, certo, ma c'è ancora molto da lavorare: la moto che ieri ha vinto la gara è una moto su cui lavoriamo da 4 anni e questa è appena nata. Ringrazio di cuore tutti i ragazzi di Ducati Corse, i ragazzi del Team e i nostri sponsor, che credono in noi e che ci danno un aiuto importantissimo tutto l'anno".

Loris Capirossi
"Stamattina ho fatto delle prove di gomme che non sono andate male e che potrebbero permetterci di avere qualche novità interessante per le prossime gare. Poi abbiamo cominciato con la GP7. Come primo test è stato molto positivo anche se la moto è ovviamente da sviluppare. Ci aspetta tanto lavoro ma la prima impressione è stata positiva. La maneggevolezza è migliorata molto e questo è importante. Questa moto va guidata in maniera diversa rispetto alla GP6, è divertente, assomiglia un po' alle 250 e provarla ora è stato interessante e utile per cominciare fin da subito a lavorarci sopra. Il motore è diverso, meno potente ma..ha una gran voce! E' stata una bella giornata, sono contento e domani continueremo a darci dentro".

Sete Gibernau
"Ieri ero al settimo cielo per la vittoria di Loris! Mi sento parte della famiglia e sono sempre felice quando ‘i miei' fanno bene.
La GP7 è un progetto molto importante e volevo essere qui anche io. Loris dice che la moto va bene e vorrei tento poterla provare anche io ma è meglio di no. Dovrei poter tornare a correre in Malesia: mentalmente sono al 100% e spero che gli esami che mi faranno la prossima settimana confermino che lo sono anche fisicamente. A Laguna Seca la placca si è rotta e ora ne ho due, con 15 viti. Ora, se dovessi rompersi un'altra volta, sarebbe molto peggio perché diventerebbe necessario un innesto di osso dell'anca. In ogni caso, sono convinto che questo periodo di riposo mi stia facendo bene e spero che per il 10 settembre il pericolo sia scongiurato: ho fatto fin troppa vacanza e ora non vedo l'ora di tornare in azione!"

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp


Top