Sport

pubblicato il 28 settembre 2012

MotoGP 2012: Aragon, Libere 1: Ducati in testa

La pista è umida, di più, non si può fare

MotoGP 2012: Aragon, Libere 1: Ducati in testa

L'asfalto ancora umido e la paura magari che la pista potesse essere ancora molto scivolosa nella zona dove c'era stata la perdita d'olio di Danny Webb durante la sessione della Moto3, ha reso piuttosto noioso il primo turno di prove libere della classe MotoGP sul tracciato di Motorland Aragòn.

La maggior parte dei piloti della classe regina ha infatti preferito rimanere al caldo del proprio box. Del resto Honda e Yamaha hanno effettuato diversi di giorni di test sulla pista spagnola appena un paio di settimane fa, quindi non avevano troppo bisogno di accumulare dati.

E in questo contesto non deve essere un caso, dunque, che le uniche MotoGP vere e proprie ad aver preso la via della pista sono state le Ducati, con Nicky Hayden che ha stampato il miglior tempo in 2'04"890, precedendo alla fine la Desmosedici gemella di Valentino Rossi di circa otto decimi. I tempi comunque fanno capire che le condizioni della pista erano tutt'altro che ottimali, visto che il record di Casey Stoner è lontano di circa una quindicina di secondi.

In terza posizione Aleix Espargaro apre la schiera delle CRT con la ART-Aprilia del Team Aspar, staccato però di circa 2"5 dal battistrada. Dietro di lui poi la top five si completa con la Suter-BMW di Danilo Petrucci e con l'altra Ducati di Hector Barbera. Poi i distacchi crescono tantissimo, anche se va detto che solo nove piloti hanno marcato un tempo, con quello di Karel Abraham che al momento non gli sarebbe valso neppure la qualificazione.

MotoGP - Aragon - Libere 1

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , motogp , pista , personaggi , gare , piloti , personaggi famosi , crt


Top