Sport

pubblicato il 15 settembre 2012

MotoGp 2012, Misano, Qualifiche: Pedrosa batte Lorenzo per la pole

I due spagnoli separati da soli 18 millesimi. Prima fila anche per Crutchlow, con Rossi in seconda

MotoGp 2012, Misano, Qualifiche: Pedrosa batte Lorenzo per la pole

E' verissimo che il maltempo ha fatto mancare lo spettacolo nelle prove libere del weekend di Misano della MotoGp. Con l'arrivo del sole però il tracciato romagnolo ci ha regalato senza ombra di dubbio una delle qualifiche più tirate dell'intera stagione, con i primi tutti vicinissimi e la pole position che ha cambiato proprietario tantissime volte negli ultimi dieci minuti.

Alla fine a festeggiare è stato Dani Pedrosa, che nel suo ultimo tentativo ha sfoderato un T4 davvero mostruoso, riuscendo a fermare il cronometro su un tempo di 1'33"857 e balzando davanti a Jorge Lorenzo per appena 18 millesimi. Il pilota della Honda, dunque, ha confermato di essere l'uomo del momento nella classe regina, oltre ad aver dato la sensazione di aver trovato un ottimo setting per la sua RC213V in ottica gara.

Il rivale della Yamaha forse stava già pregustando il sapore della pole position, ma alla fine si è dovuto accontentare della piazza d'onore, anche se questa non sembra neanche la peggiore delle notizie per lui. Nel corso della sessione il maiorchino si è lamentato parecchio del grip trovato per la sua M1: a riprova di questo il suo passo di gara non sembra particolarmente buono e il miglioramento è arrivato solo con la gomma morbida.

La prima fila si completa poi con Cal Crutchlow, all'ennesima bella prestazione dopo aver conquistato il suo primo podio in MotoGp a Brno. Il britannico della Yamaha Tech 3 ha anche accarezzato il sogno della pole position, visto che fino ad un minuto dalla fine era lui a comandare il gruppo, chiudendo poi con un passivo di 144 millesimi.

E in pole provvisoria ci era stato anche Stefan Bradl, dimostrando di aver fatto un passo avanti importante nei test delle scorse settimane, nei quali ha trovato una buona posizione di guida per la sua RC213V del team LCR. Ma il quinto tempo di Alvaro Bautista testimonia forse l'ottimo feeling delle Honda con questo tracciato: raramente lo spagnolo era stato tanto competitivo in questa stagione, fatta eccezione per la pole ottenuta a Silverstone.

E ci sono tutto sommato notizie positive anche in casa Ducati, con Valentino Rossi che torna ad artigliare un posto in seconda fila. Il nuovo telaio ed il nuovo forcellone sembrano aver effettivamente migliorato la Desmosedici e il "Dottore" è riuscito a limitare il distacco a sette decimi, precedendo le due Yamaha dei suoi "eredi" Andrea Dovizioso e Ben Spies, che invece sono senza dubbio tra le note dolenti della sessione, con l'americano che si è anche reso protagonista di una scivolata.

Dietro di loro completa la terza fila Jonathan Rea, al debutto sulla Honda RC213V dell'infortunato Casey Stoner. Il distacco di 1"5 da Pedrosa è ancora molto ampio, ma non si può non notare la sua crescita: nel primo test a Brno viaggiava a circa 3" dallo spagnolo. Dunque, piano piano, il pilota proveniente dalla SBK sta prendendo confidenza con la moto e con le gomme Bridgestone.

Decimo tempo per il rientrante Nicky Hayden, che corre con una mano ancora dolorante. A Misano si è rivisto anche Hector Barbera, tornato sulla sua Ducati dopo tre gare d'assenza. Lo spagnolo è 13esimo, alle spalle anche della prima delle CRT, che è la ART-Aprilia di Randy De Puniet, 12esima a 1"8.

MotoGp - Misano - Qualifiche

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top