Attualità e Mercato

pubblicato il 4 settembre 2012

Benzina, boccatina d'ossigeno

Prezzi dei carburanti alle stelle: ora un lieve in ribasso in arrivo

Benzina, boccatina d'ossigeno

La previsione la fa la Figisc (sindacato gestori benzina): la quotazione del greggio è scesa rispetto al fine settimana del 25-26 agosto, attestandosi sui 90 euro/barile. "L’andamento del greggio ha trovato conferma nelle dinamiche dei prodotti raffinati: le chiusure del mercato internazionale dei prodotti finiti Platt’s di questa settimana hanno fatto registrare un decremento di 3,1 eurocent/litro per la benzina e di circa 0,8 per il gasolio. In un mese (dal 31 luglio) i prodotti finiti sono aumentati sul mercato internazionale di 5,7 (benzina) e di 5,1 (gasolio) centesimi/litro (con punte nel periodo ferragostano, rispettivamente, di +9,7 e 6,4 centesimi/litro), mentre i prezzi interni sono aumentati in misura maggiore, cioè di circa 9,3 centesimi /litro per la benzina e 7 per il gasolio. Ma le tendenze del mercato internazionale fanno ragionevolmente supporre - dice la Figisc - che ci siano le condizioni per una diminuzione dei prezzi nei prossimi giorni nell’ordine di 1,5 eurocent/litro, mentre gli sconti sono finiti.

Il fatto è che la quotazione del greggio Brent spot è scesa (-3,1 % rispetto alla scorsa settimana), perdendo 2,89 euro/barile (-0,022 euro/litro) con un cambio euro/dollaro nel complesso più favorevole. I prezzi medi in Italia della rete ordinaria, da sabato 25 agosto, non hanno assorbito le dinamiche al ribasso dei prezzi internazionali, mantenendosi più alti anche se in misura più contenuta per il prodotto gasolio"
. E in autostrada? "Rimane da precisare che il pregiudizio sui prezzi sempre più alti in autostrada non è corroborato dai fatti. - dichiara Stefano Cantarelli, Ania (gestori autostradali) - Maxi sconti a parte i prezzi in self service del gasolio, per esempio (che costituisce l’80% delle vendite sulle aree di servizio) è da sempre lievemente più basso rispetto alla rete ordinaria, un dato confermato anche per la settimana corrente con circa 1,9 centesimi/litro di meno".

Il grosso guaio restano le accise: mentre in Francia si parla di una possibile diminuzione delle tasse sul carburante, da noi di discute di una complicatissima sterilizzazione dell’Iva. Intanto, le accise rappresentano due terzi del prezzo della benzina...

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , varie , mercato , carburanti


Top