Novità

pubblicato il 29 agosto 2012

Ossa 2013: nuova TR280i

Pochi cambiamenti a motore e ciclistica

Ossa 2013: nuova TR280i
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 1
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 2
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 3
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 4
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 5
  • Ossa 2013: nuova TR280i - anteprima 6

Torniamo a parlare di Ossa Motorcycles, azienda spagnola rinata da circa tre anni che proprio a EICMA si presentò con la novità più importante, la trial TR280i. Già il modello dell'anno scorso aveva fatto un passo in avanti rispetto al modello 2011. Ecco perchè i tecnici spagnoli si sono limitati a migliorare il modello 2013 con piccoli ma significativi accorgimenti che ora andiamo ad analizzare.

Design dei paraspruzzi e le grafiche sono nuove. La moto in generale è stata realizzata per avere il meno angoli appuntiti possibili, e i materiali hanno trattamenti di qualità superiore, per renderli maggiormente resistenti all'usura. Diciamo che i particolari più importanti interessano le sospensioni, con una forcella Marzocchi all'anteriore e un monoammortizzatore al posteriore, Ohlins, rivisti, una frizione ed un cambio migliorato. Nuovi i link della sospensione posteriore, ora imbullonati, mentre per il monoammortizzatore cambia la base del cono, più resistente e per la forcella c'è un nuovo setting. Il peso scende da 64,5 Kg del modello 2012 a 64 Kg.

La ECU è stata riposizionata: ora è fuori dall'air box, questo consente un raffreddamento superiore ed una sostituzione del filtro aria più facile. La testa del cilindro è rivista, ed ora c'è una mappatura che offre più potenza e progressività. Il comando del gas ha un "giro" diverso ed il materiale è rivisto. Il freno posteriore ha un tubo differente di connessione tra pinza e pompa, in modo da offrire più feeling con lo stivale. Il tendicatena è più resistente e il cambio è più preciso e ha tolleranze superiori, oltre ad essere fissato con un nuovo sistema che ne aumenta l'affidabilità.

E' stato poi modificato il sistema interno della pompa dell'acqua, in modo da assicurare performance più durature. Rivista la frizione: ora c'è più feeling alla leva, grazie anche ad un canale più largo e spesso dove passa l'olio nel coperchio della frizione stessa. I dischi sono di materiali diversi e più resistenti, mentre il bullone per lo scarico dell'olio rende più facile questa operazione.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , fuoristrada , trial , eicma 2012


Top