Attualità e Mercato

pubblicato il 22 agosto 2012

Benzina: la si pagherà sempre di più

L'AD di Eni anticipa le future difficoltà. I prezzi saliranno...

Benzina: la si pagherà sempre di più

La benzina a due euro il litro fa paura? Attenzione, potrebbe essere l’inizio di un’ascesa ancora più prepotente. Sentite Paolo Scaroni, Amministratore Delegato dell'Eni, arrivato al Meeting di Cl per parlare di condivisione di risorse, di Africa e di sviluppo sostenibile: "L'euro debole, il prezzo del petrolio che cresce e le accise che aumentano sono una miscela esplosiva per i prezzi dei carburanti. I prezzi rischiano di continuare a salire". E con la crescita dei prezzi, ha spiegato Scaroni, "in Italia nei primi sei mesi dell'anno c'è stato un calo dei consumi dei prodotti petroliferi pari al 9%, una cosa mai vista a memoria d'uomo; vuol dire che il consumatore soffre di questi aumenti in modo particolare". Poi, ovviamente, un po’ di parole "pro domo sua": "Noi in Eni siamo determinati a fare la nostra parte, perché l'energia, tutta quella di cui abbiamo bisogno e ad un prezzo ragionevole, sarà ingrediente essenziale della nostra ripresa. Faccio fatica a immaginare un'Eni che va a gonfie vele mentre il nostro Paese passa da una crisi all'altra". Scaroni ha quindi annunciato che l'Eni non parteciperà alle gare per lo sviluppo di giacimenti in Kurdistan: "Noi siamo impegnati nello sviluppo del giacimento di Zubair, nel Sud dell'Iraq, e tra le intese c’è quella di non stringere accordi con i governi regionali, compreso quello del Kurdistan".

SCONTONE AL TRAMONTO
Il provvedimento più scottante degli ultimi mesi in tema di carburante, lo scontone sui prezzi della benzina applicato da Eni negli iperself durante i fine settimana estivi, sta per andare in soffitta: si chiuderà il 3 settembre come preannunciato dall'azienda. Lo ha confermato Scaroni, che su una possibile proroga dell'inizitativa, ha ribadito: "No. Finisce il 3 settembre. Non abbiamo cambiato idea. Questo non vuol dire che non potremo fare altre iniziative". E in merito a interventi di Eni su altri fronti anticrisi, Scaroni s’è soffermato sul gas: "Energia per noi vuol dire soprattutto gas. Io continuo a vivere questo fastidio per cui tutti vogliono che dobbiamo essere piccoli, che non dobbiamo esserci, che dobbiamo cedere quote di Snam, ma quando manca il gas vengono tutti da noi. Faremo tutto quanto è nelle nostre possibilità perché i prezzi del gas, anche quelli a cui noi lo compriamo, siano competitivi".

GESTORI INFURIATI
Intanto, monta la polemica anche riguardo ai gestori. ll Codacons ha aperto la caccia al caro benzina con una campagna di segnalazione denominata "Denuncia il benzinaio troppo caro: iniziativa del Codacons contro la speculazione dell'esodo". Gli utenti della strada possono denunciare i benzinai dentro o fuori delle autostrade che nell'esodo e contro esodo di Ferragosto praticano prezzi superiori a 1,8 euro a litro e il Codacons chiederà alla Guardia di Finanza di verificare se le fatture di acquisto del greggio o del prodotto giustificassero tale prezzo. In caso contrario, scatterà la denuncia per aggiotaggio. I gestori, in attesa che si facciano sentire i sindacati (che lamentano margini risicatissimi su un litro di carburante), non hanno affatto gradito. Scrive gestoricarburanti.it: "Davvero singolare questa scelta per un'associazione che ha fatto del libero mercato e delle liberalizzazioni sui carburanti una battaglia senza precedenti. Perché, o si sceglie un mercato liberalizzato e si accettano anche le conseguenze della libertà di aumentare i prezzi secondo le leggi del mercato, oppure si torna a un mercato di tipo amministrato con la possibilità di denunciare i soggetti che violano i prezzi imposti". A proposito di prezzi amministrati, va infine segnalata la trovata un po’ politica e propagandistica del presidente francese, François Hollande, che - come riporta panorama.it - ha paventato la possibilità di tornare ai listini fissati dallo Stato. Come in Italia sino al 1992.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , varie , turismo , carburanti , viaggi , citta


Top