Sport

pubblicato il 5 agosto 2012

WSBK 2012, Silverstone, Gara 2: Guintoli batte l'acqua

Gara interrotta e punteggio dimezzato, 2° Baz e 3° Smr?

WSBK 2012, Silverstone, Gara 2: Guintoli batte l'acqua

Ancora acqua protagonista a Silverstone, dopo aver creato una pazza gara 1, e ad uscirne vincitore è stato un grandissimo Sylvain Guintoli.

Dopo una nuova "falsa partenza", con gara interrotta per l'arrivo del brutto tempo e Direzione Gara che come già nella prima corsa decreta la Wet Race, tuti si preparano da pioggia guardando il cielo plumbeo in arrivo.

E questa volta la pioggia arriva copiosa, molto copiosa, al punto da costringere il Direttore di gara a dare la bandiera rossa dopo soli 9 passaggi, quando pian piano tutti i protagonisti stavano cadendo.

Giusto il successo di Guintoli, che sin dal via è scattato accompagnato da Jacub Smrž. I due hanno immediatamente aperto un varco che pareva irraggiungibile per tutti, arrivando ad avere oltre 8" di vantaggio sul gruppo dopo nemmeno 4 giri. Poi pian piano, con l'intensificarsi della pioggia, è tornato protagonista il giovane 19enne Loris Baz, che assieme a Davide Giugliano si è lanciato in una clamorosa rimonta che ha portato i due a raggiungere i fuggitivi al ritmo di 2" al giro.

Con l'avvicinarsi della metà gara però l'aderenza è diminuita talmente tanto che pian piano la gara ha iniziato a perdere protagonisti. Il primo a salutare è stato nuovamente leon Camier, questa volta però però perché salutato dalla propria Suzuki, poi è stata purtroppo per gli italiani la volta di Giugliano.

A seguire ci sono state le scivolate di Jonathan Rea, Tom Sykes (tra l'altro molto rovinosa per la moto, con la ZX-10R che è andata dritta nelle barriere), Carlos Checa, Smrž e pure Baz, quando aveva appena conquistato la vetta della gara ai danni di Guintoli.

A quel punto è stata esposta la bandiera rossa, con tutti i protagonisti che sono rientrati ai box in attesa di comunicazioni.

Dopo diversi minuti finalmente è stata pubblicata la classifica finale, che è quella dopo l'ottavo passaggio sul traguardo, quindi un giro e mezzo prima dell'esposizione della bandiera rossa.

Questo a permesso a tutti i caduti all'ultimo giro di rimanere in gara e così il podio ha visto i francesi Guintoli e Baz accompagnati sul terzo gradino dalla Ducati di Smrž.

Per il mondiale piloti la classifica alla fine dell'ottavo passaggio ha tolto punti a Max Biaggi, che era risalito fino alle spalle di Marco Melandri e che invece si vede classificato solamente 13esimo. Il punteggio dimezzat comunque gli permette di perdere solo 1,5 rispetto al ravennate ed ora i due sono divisi da 10,5 punti prima della trasferta russa a Mosca di fine agosto.

Autore: Fulvio Cavicchi

Tag: Sport


Top