Attualità e Mercato

pubblicato il 2 agosto 2012

Mercato moto-scooter luglio 2012: meno 21%

30% di concessionarie a rischio chiusura. Ancma: "E' il momento dei fatti"

Mercato moto-scooter luglio 2012: meno 21%
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 1
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 2
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 3
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 4
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 5
  • Piaggio Beverly Sport Tourer 350 Vs Honda SH300i - Foto Dinamiche - anteprima 6

La clessidra che segna la discesa verso il basso di tutti i settori, in Italia, continua la sua corsa. A franare sono anche le due ruote. Nell’impossibilità di decidere la velocità di movimento verso il baratro, Confindustria Ancma chiede al Governo gli strumenti per limitare i danni, ma soprattutto, pianificare la ripresa. Il bilancio dei primi sei mesi del 2012 parla molto chiaro: in totale, da gennaio a luglio, sono state vendute 193.644 due ruote a motore (immatricolazioni + 50 cc), pari al -20,4% rispetto all’anno
scorso.

Confindustria Ancma continua nella sua opera di denuncia dello stato di cose e nel tentativo di sensibilizzazione delle autorità; le parole di Corrado Capelli, assumono toni sempre più accesi: "Non possiamo rassegnarci a questa spirale recessiva, le politiche di risanamento troppo drastiche conducono ad una contrazione di tutta l’economia con una perdita netta di introiti anche da parte dello Stato. Nel mercato automotive le misure fiscali non generano nuovo gettito, ma strangolano le attività di tutta la filiera. Il risultato è che dalle 2 ruote a motore lo Stato incasserà 250 milioni in meno solo di IVA, rispetto al 2009. Tali risorse avrebbero potuto rilanciare le vendite a supporto dell’intero settore. Coniugare il rigore con la crescita significa mettere mano a tutti quei nodi che da tempo indichiamo come problematici per la corretta evoluzione del mercato: alleggerire la pressione fiscale sulle famiglie attraverso i tagli della spesa pubblica improduttiva; favorire l’occupazione giovanile; intervenire sulle condizioni onerose del credito al consumo e sulle tariffe assicurative, oggi inaccessibili in ampie zone del meridione; monitorare i costi dei carburanti e semplificare la burocrazia legata ai veicoli. Se non ci sarà una svolta, la crisi del mercato metterà a rischio concreto di sopravvivenza il 30% delle concessionarie con inevitabili ripercussioni in termini di occupazione. Da parte nostra continuiamo a essere presenti in tutti i tavoli nei quali si decidono cambiamenti sostanziali e formali, relativi alle due ruote e siamo pronti a giocare un ruolo chiave per sviluppare la mobilità sostenibile e incentivare l’uso di moto e
scooter con modalità sempre più sicure e rispettose dei vincoli ambientali"
.

LUGLIO: SCOOTER IN SALITA, MA E’ "COLPA" DELLE POSTE
Le immatricolazioni di luglio di veicoli maggiori di 50 cc riportano un dato in contrasto con la tendenza appena citata, perché il Gruppo Piaggio ha appena consegnato una nuova commessa di oltre 6.000 veicoli a Poste Italiane. Grazie a queste immatricolazioni, il settore scooter incrementa i volumi rispetto allo stesso mese del 2011, con 23.492 pezzi venduti, pari al +13,7%. Togliendo dal computo, però, gli scooter bianchi e gialli dei postini, il dato reale torna in negativo con un 16% in meno.

Il calo del settore moto, invece, prosegue il trend al ribasso con 6.536 unità che valgono il 28,4% in meno rispetto a luglio 2011. L’immatricolato complessivo di luglio, con 30.028 veicoli, segna un +0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (ma se togliamo i seimila scooter torniamo in "rosso").
Il mese di luglio vale in media circa il 12% sul totale venduto nell’anno. Per i "cinquantini" la situazione è pesante: solo 7.313 consegne pari al -30,1%.
Il dato progressivo da gennaio a luglio vede un totale immatricolato di 159.300 pezzi, pari a -18,1%. Scendendo nel dettaglio, troviamo che 113.061 scooter sono il 12,1% in meno di quelli venduti nel 2011 e le 46.239 moto immatricolate nel 2012 sono ben il 29,7% in meno di quelle dello scorso anno. I "cinquantini" si fermano a 34.344 unità, con -29,8%.

CILINDRATE E SEGMENTI: SU I MAXI SCOOTER, GIU’ TUTTE LE MOTO
L’analisi per cilindrata evidenzia un deciso recupero degli scooter di 125 cc con 46.020 veicoli e un +11,8%, ma il dato è sempre falsato dai veicoli immatricolati per Poste Italiane. I 150-200 cc con 21.008 pezzi segnano un -19,6%. Più sensibile il calo dei 250 cc con 5.844 veicoli e un -45,9%, ma anche i 300-500 cc scendono con 29.098 unità, dunque -40,5%. Ricordiamo che questo dato è falsato dalla crescita di cilindrata del Yamaha TMax che è passato da un segmento all’altro, facendo crescere il settore dei maxiscooter oltre 500cc da 1.680 pezzi ai 11.091 attuali.

Per le moto lo scenario è più deludente, tutte le cilindrate subiscono un’emorragia di volumi. Quelle superiori ai 1000 cc raggiungono i 13.988 pezzi, pari ad un -30,9%. Seguono come volumi le moto tra 800 e 1000 cc con 11.632 unità, e un -33,5% rispetto al 2011. Le medie cilindrate, tra 650 e 750 cc, con 10.230 moto sono a meno 18,8% e le 600cc con solo 2.568 vendite crollano del 52,2%.
Meglio della media del mercato fanno le piccole cilindrate tra 300 e 500 cc con 2.953 pezzi e un -17,5%, le 250 cc con 1.214 e un – 29,1%. Infine le 125 cc con 3.375 moto registrano un -26,2%.
Analogo l’andamento dei segmenti, in ordine di importanza: in discesa le enduro stradali con 13.920 pezzi, -20,8%; le naked con 13.799 unità, -37,3%; le custom con 4.856 vendite, -36,1%; le sportive con 4.459 moto, -30,2%; le moto da turismo con 4.463 immatricolazioni e un -23,5%; infine le supermotard con 3.689 moto e un -28,5%.

LE CLASSIFICHE
SCOOTER

Lasciando da parte il primato del Piaggio Liberty 125 "Poste Edition", immatricolato in quasi 16.000 pezzi, il leader del mercato scooter è sempre l’apprezzatissimo Yamaha TMAX 530 con ben 8.021 pezzi venduti seguito dall’Honda SH 300i a quota 5.723 pezzi e SH 150 a 5.018. Si conferma un ottimo rivale dell’SH 300i il Piaggio Beverly Sport Touring 350, venduto in 3.933 unità.
Stabile in classifica al 13esimo posto l’Honda Integra, venduto in 2.124 pezzi, mentre si affacciano in classifica i BMW C 600 Sport e C 650 GT arrivati in concessionaria a luglio e venduti rispettivamente in 271 e 170 pezzi.

MOTO
Stabile in vetta alla classifica ormai da anni, anche la BMW R 1200 GS purtroppo perde colpi. La sempreverde endurona di BMW ha venduto complessivamente 2.979 unità tra versione base ed Adventure che, confrontate ai numeri del primo semestre del 2011, denunciano una perdita di ben 1.131 moto.
Al secondo posto in classifica è ancora la Honda NC700X, apprezzata da 1.598 italiani e a seguire troviamo la Ducati Multistrada 1200 che con 1048 moto tiene bene il mercato al terzo anno di commercializzazione.
Quarto posto assoluto per la Honda Hornet, mentre quinta è la BMW F 800 GS che, anche senza il supporto della sorellina 650GS riesce a sopravanzare le Triumph Tiger 800 e XC 800, mentre mostra segnali di ripresa la F800R, venduta in 837 pezzi e sesta assoluta.
Scendendo in classifica troviamo dei buoni numeri di vendita per la Ducati Streetfighter 848 (670 moto), mentre la Diavel si è fermata a soli 375 pezzi, che sono la metà di quelli venduti lo scorso anno. Sale pian piano la classifica la Honda Crosstourer, venduta in 654 unità, mentre inizia a farsi vedere anche la KTM 690 Duke, scelta da 456 italiani.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 1
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 2
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 3
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 4
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 5
  • BMW C 650 Sport e C 650 GT - Test - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 1
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 2
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 3
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 4
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 5
  • Yamaha TMax 530 2012 - Test - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 1
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 2
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 3
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 4
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 5
  • Honda NC700X Test - Foto dinamiche - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 1
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 2
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 3
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 4
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 5
  • Honda Integra - foto dinamiche - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 1
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 2
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 3
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 4
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 5
  • BMW R 1200 GS Triple Black 2011 - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 1
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 2
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 3
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 4
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 5
  • Honda SH 125i - 150i Sporty - anteprima 6

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , 1000 , naked , scooter , 600 , mercato , fuoristrada , lavoro , usato , eicma 2012 , maxi scooter


Top