Sport

pubblicato il 2 agosto 2012

Sei Giorni Enduro 2012: piloti sì, piloti no...

L'FMI fa chiarezza: "La Federazione non è d'accordo con alcuni Team"

Sei Giorni Enduro 2012: piloti sì, piloti no...

Mancano meno di due mesi alla Enduro Six Days 2012 che si terrà in Germania dal 24 al 29 settembre presso il Circuito del Sachsenring. Purtroppo per il nostro Paese, c'è una "polemica": la Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana ritiene infatti utile ed opportuno fornire alcune informazioni e qualche chiarimento riguardo i piloti che rappresenteranno l’Italia.

Rider che hanno dato la propria disponibilità ad essere presenti, così come i rispettivi Team, ai quali la Federazione esprime il più sentito ringraziamento. Alcuni Team hanno invece ritenuto di non consentire la convocazione dei propri piloti... La FMI non è ovviamente d’accordo con questa decisione, ma ne ha preso atto, a detta loro, con serenità. Le condizioni economiche proposte per la partecipazione erano uguali per tutti, oltre che analoghe a quanto avvenuto nelle edizioni precedenti. Non si comprende dunque in base a quale considerazione si sarebbero dovute ipotizzare (ed accettare) eccezioni.

Lo stato di "salute" del motociclismo italiano, ed in particolare dell’enduro, consente peraltro alla FMI di mettere in squadra piloti di assoluto valore. Per quanto riguarda le spese poi, la FMI, in occasione della Sei Giorni, coprirà come sempre tutte le spese di viaggio e di soggiorno, per piloti e componenti dei Team (ci mancherebbe...).

Per quanto riguarda i "numeri", la cosiddetta "spedizione italiana" sarà composta dal gruppo minimo di persone ritenute necessarie per assicurare ai piloti il supporto migliore, in gara e non. Solo alcuni dati, ad ulteriore chiarimento: normalmente il gruppo è composto da 13 piloti, ognuno con il suo meccanico personale, per garantire massima tranquillità ed assistenza; si aggiungono 5 cronometristi e 5 addetti alle Prove Speciali, 1 medico, 1 massaggiatore, 1 Manager per ognuna delle tre squadre ufficiali, 1 Delegato italiano in Giuria. A questi si possono aggiungere un paio di giornalisti, quando la trasferta è molto onerosa e i giornali non coprono le spese, più un paio di persone addette a riprese foto, video e ai Comunicati Stampa.

Resta il rammarico sul fatto che alcuni Team abbiano scelto di opporsi ad una convocazione adducendo motivi totalmente pretestuosi e tra l’altro inaccettabili, se non altro semplicemente per il rispetto dovuto a chi ha invece accettato le condizioni proposte.

Autore: Redazione

Tag: Sport , enduro , varie , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , fmi


Top