Sport

pubblicato il 29 luglio 2012

MotoGp 2012, Laguna Seca: pole e record per Lorenzo

Lo spagnolo beffa Stoner all'ultimo giro per appena 74 millesimi

MotoGp 2012, Laguna Seca: pole e record per Lorenzo

Un ultimo giro clamoroso ha permesso a Jorge Lorenzo di riscrivere la storia del circuito di Laguna Seca. Con il suo 1'20"554 ha battuto due volte Casey Stoner: nella caccia alla pole position del Gp degli Stati Uniti classe MotoGp, ma anche migliorando il vecchio primato del tracciato californiano, che l'australiano aveva stabilito nel 2008.

Sembrava tutto già apparechiato per la pole position del pilota della Honda, debilitato anche da una leggera forma influenzale, ma proprio sotto alla bandiera a scacchi lo spagnolo della Yamaha ha sfoderato il miglior T4 dell'intera due giorni, beffandolo per appena 74 millesimi. Ma quello che conta di più per il maiorchino sono i ben otto giri realizzati al di sotto dell'1'22".

Dopo aver dominato la giornata di ieri, Dani Pedrosa oggi non è riuscito a reggere il passo dei suoi due rivali nella caccia al titolo, vedendosi rifilare oltre tre decimi, ma riuscendo comunque a conquistare un posto sulla prima fila dello schieramento con la RC213V in configurazione 2013. E questo sarà importante perchè il pilota della Honda comunque sembra avere un passo migliore del compagno di squadra, che invece monta solamente il motore nuovo.

Tutta Yamaha la seconda fila dello schieramento, che si aprirà con Ben Spies. Il pilota di casa non ha avuto modo di provare a sparare l'ultima cartuccia, in quanto vittima di una brutta caduta ad una decina di minuti dal termine. Vederlo barcollare nella via di fuga aveva fatto pensare al peggio, ma poi "Texas Terror" si è ripresentato al box senza particolari problemi.

Il derby interno al team Tech 3 ha visto Cal Crutchlow riuscire a prevalere su Andrea Dovizioso. E' anche vero però che il pilota britannico ha realizzato il suo miglior giro sfruttando la scia di Lorenzo. L'italiano invece ha badato soprattutto a sistemare l'assetto della sua M1 in ottica gara.

Settimo tempo poi per Alvaro Bautista, che in qualifica è riuscito a fare un importante passo avanti rispetto a quanto fatto vedere fino ad ora in questo weekend. Il pilota del Team Gresini ha chiuso davanti alla prima delle Ducati, che è quella di Nicky Hayden: gli aggiornamenti di motore non sembrano aver dato i vantaggi sperati alle GP12, che continuano a viaggiare ad oltre 1" dalla pole.

La terza fila poi si completa con Stefan Bradl, mentre Valentino Rossi si è dovuto accontentare ancora una volta del decimo tempo. Il problema del "Dottore" è sempre il solito: anche montando la gomma a mescola morbida, il cronometro non ne vuole sapere di fermarsi su tempi migliori. Il distacco di sette decimi dal tedesco che lo precede infatti è davvero pesante.

E l'ennesima riprova delle sue difficoltà è data dalla vicinanza delle due ART-Aprilia di Randy De Puniet ed Aleix Espargaro. Il francese è stato ancora una volta il più veloce tra i piloti in sella alle CRT ed oggi si è portato a soli quattro decimi dalla Ducati numero 46. Per lui poi c'è stata anche la gioia di mettersi dietro le due GP12 satellite dei rientranti Karel Abraham e Toni Elias (sostituto dell'infortunato Hector Barbera per questa gara), rispettivamente 14esimo e 17esimo.

Da segnalare, infine, la spettacolare caduta di Mattia Pasini avvenuta alla penultima curva. Fortunatamente però ne è uscita malconcia solo la ART-Aprilia, mentre il pilota romagnolo se l'è cavata solo con qualche botta. Rimasto fuori dal 107% l'esordiente Steve Rapp, la cui CRT della Attack Performance sembra ancora troppo acerba: ora bisognerà vedere se la direzione gara gli consentirà di partecipare alla gara di domani o meno.

MotoGp - Laguna Seca - Qualifiche

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top